Cronaca Ultime Notizie

Referendum No Green Pass, parlano i promotori: “Ci hanno ostacolato”

26 Ottobre 2021

author:

Referendum No Green Pass, parlano i promotori: “Ci hanno ostacolato”

A pochi giorni dalla chiusura della raccolta firme, i promotori del referendum No Green Pass hanno diffuso un comunicato stampa in cui, oltre a ricordare le finalità dell’iniziativa, illustrano le difficoltà e gli ostacoli che hanno dovuto affrontare in poco più di un mese di lavoro: sono numerose, infatti, le criticità pervenute al Comitato organizzatore da parte dei cittadini. In attesa di conoscere il numero delle firme raccolte, pubblichiamo integralmente la lettera inviata agli organi di informazione.
“Nell’attesa di ricevere da parte dei Comuni italiani i primi riscontri relativi al numero di firme raccolte per il Referendum contro il Green Pass, riteniamo utile fare chiarezza su quanto accaduto in queste quattro settimane.
Lo scorso 16 settembre 2021, presso gli Uffici della Corte di Cassazione, abbiamo verbalizzato il nostro proposito di indire un referendum per l’abrogazione delle disposizioni legislative in materia di Green Pass. La raccolta firme online è partita subito, il 18 settembre 2021, mentre la “macchina” per la raccolta firme in presenza ha dovuto attendere la vidimazione dei moduli richiesta all’apertura degli Uffici il 20 settembre 2021.
Eravamo sin dal principio consapevoli che far firmare 18.000 cittadini al giorno (tanto è necessario per raggiungere le 500.000 firme richieste in quattro settimane) fosse un’impresa difficile, ma non abbiamo avuto scelta, considerato che i Decreti del Governo che hanno imposto il Green Pass per le attività economiche, di studio e sociali sono stati emanati in pieno agosto, a ridosso – ma potrebbe essere solo una coincidenza – della scadenza del termine previsto per il deposito delle richieste di referendum (che per legge devono essere presentate entro il 30 settembre di ogni anno solare). Impresa difficile e tuttavia improcrastinabile: l’imminente fine della legislatura, infatti, impedirà ai cittadini di presentare richieste di referendum fino a 6 mesi dopo l’insediamento delle nuove Camere, e quindi non prima del 2024 (con voto nel 2025).
Fin dall’annuncio dell’iniziativa referendaria, i promotori e i volontari si sono dovuti scontrare con difficoltà ed ostacoli rilevanti, alcuni prevedibili (i tempi ristretti), altri inimmaginabili, come ad esempio:
-I media hanno dato spazio all’iniziativa referendaria al solo scopo di penalizzarla, come dimostrano i tagli e le censure subiti dalle interviste rilasciate, sui quotidiani e in televisione, da alcuni promotori;
-Molti hanno criticato la farraginosità e i costi delle modalità di voto online adottate dai promotori, che invece sono conformi alla normativa transitoria vigente, a differenza di quelle adottate da altri comitati referendari che al momento, ai sensi della stessa normativa, hanno solo valore sperimentale;
-Cittadini da ogni parte d’Italia ci segnalano ostacoli all’esercizio del loro diritto di firma dei moduli referendari: alcuni Comuni negano l’esistenza stessa di una raccolta firme contro il Green Pass; altri, invece, negano di avere ricevuto i moduli per la raccolta delle firme, che pure sono stati inviati dal Comitato promotore o portati dai volontari; altri omettono di vidimare i moduli in questione o di registrare i documenti dei firmatari; altri ancora impediscono con motivazioni pretestuose l’accesso dei cittadini agli Uffici comunali o, paradossalmente, lo subordinano all’esibizione del Green Pass; altri, infine, si rivelano restii a fornirci informazioni sull’andamento della raccolta firme;
-Scontiamo incertezze e indecisioni da parte delle Autorità nell’accordarci le autorizzazioni necessarie per organizzare la raccolta delle firme ad opera dei volontari, che determinano improvvise complicazioni di natura logistica in grado di ostacolare concretamente il successo della raccolta firme.
A titolo di confronto, basterà dire che, in Svizzera, il referendum contro il Green Pass e le altre misure restrittive è apertamente pubblicizzato dalle Istituzioni allo scopo di assicurare la libertà di scelta dei cittadini.
Per tutti questi motivi, il Comitato promotore ha deciso che, qualora non si dovesse raggiungere la soglia delle 500.000 firme raccolte entro il 30 ottobre 2021, la raccolta proseguirà allo scopo di certificare la volontà politica dei cittadini italiani di opporre qualsiasi tipo di resistenza civile e democratica all’uso del Green Pass e di qualsiasi altro strumento di coercizione e di controllo sociale cui vorrà ricorrere questo Governo ed il suo Presidente”.
2 Comments
  1. Andrea Pasqualini

    Ottima decisione, così si deve fare!

  2. Marco

    Probabilmente non avrebbe sortito il risultato sperato però non avremmo dovuto precluderci un'altra possibilità. Quello che mi svilisce molto è che anche da parte di coloro che riteniamo "dei nostri", c'è stata sùbito una levata degli scudi (avvocato Mauro Sandri, Massimo Mazzucco, Movimento 3V, ecc.).

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *