Cultura & Società Ultime Notizie

Volksbank: 100 milioni euro di utile nel 2023. Il CdA proporrà all’Assemblea 50 milioni euro di distribuzioni ai soci

11 Febbraio 2024

author:

Volksbank: 100 milioni euro di utile nel 2023. Il CdA proporrà all’Assemblea 50 milioni euro di distribuzioni ai soci

Il CdA ha approvato oggi i risultati 2023 di Volksbank, con un utile netto di oltre 100 milioni di euro. Il patrimonio netto tangibile continua a salire e raggiunge 910 milioni di euro, pari a 18,9 euro per azione. Il Presidente Ladurner: “Volksbank è solida, efficiente e cresce, così da confermare l’elevato livello di distribuzione dello scorso anno pari a circa 1 euro per azione, 12% di rendimento”.

I risultati dell’anno 2023 di Volksbank confermano il trend degli ultimi anni ed inaugurano al meglio il Piano Industriale I-mpact 2026, sviluppato in corso d’anno ed approvato a novembre 2023. Tra i risultati principali, emergono:

  • uno sviluppo positivo dei volumi clientela intermediati, in tutte le sue principali componenti, con conseguente aumento della quota di mercato, e masse intermediate che raggiungono i 21,8 miliardi di euro. In particolare, la liquidità delle famiglie ed imprese è cresciuta di circa 175 milioni di euro, i crediti alla clientela di circa 40 milioni di euro e la raccolta indiretta (fondi comuni di investimento, obbligazioni, azioni, assicurazioni vita, etc.) è cresciuta di oltre 565 milioni di euro;

  • un incremento del 21% dei ricavi caratteristici della Banca, arrivati a circa 376 milioni di euro, grazie ad una crescita del margine da interessi ed una tenuta del margine commissionale;

  • un’ulteriore riduzione del rischio di credito, di fatto annullatosi nell’anno grazie ai minori nuovi accantonamenti ed agli importanti recuperi sulle posizioni già classificate. La quota netta del portafoglio dei crediti deteriorati sul portafoglio complessivo (NPL Ratio netto) è giunta ormai al 1,9%, in ulteriore riduzione dal 2,3% del 2022. Le coperture del portafoglio deteriorato salgono di quasi il 3% raggiungendo il 59%, ben al di sopra della media del Sistema;

  • una crescita dei costi amministrativi ordinari, che nonostante l’effetto inflattivo è stata inferiore alla crescita dei ricavi, consentendo una ulteriore riduzione del Cost Income Ratio (CIR, rapporto tra costi e ricavi) della Banca al 49,3%, livello considerato di ottima efficienza nel panorama delle banche commerciali italiane ed europee;

  • un’eccellente redditività netta, con un rendimento del patrimonio (RoTE) al 11,9%, che si attesta ad un livello ben superiore alla media italiana ed europea. L’utile di 100 milioni di euro è già stato decurtato dei 13 milioni di euro di oneri di sistema e dei 50 milioni di euro di imposte.

Il patrimonio netto tangibile di Volksbank è pertanto in ulteriore crescita, superando per la prima volta i 900 milioni di euro ed attestandosi a 910 milioni di euro, pari a 18,9 euro per azione. Il patrimonio netto complessivo raggiunge i 19,2 euro per azione, pari al prezzo di emissione dell’ultimo aumento di capitale effettuato dalla Banca.

I coefficienti patrimoniali, già al netto delle distribuzioni previste, si confermano solidi ed in crescita, con il coefficiente patrimoniale Total Capital Ratio (TCR fully phased) che sale dal 16,2% al 16,6% ed il Common Equity Tier 1 Ratio (CET1 fully phased) che sale dal 14,4% al 15,3%.

Il Presidente Lukas Ladurner ha dichiarato: “Il 2023 di Volksbank è stato un anno solido, in cui i collaboratori della Banca hanno ben gestito lo scenario di incremento dei tassi d’interesse e fatto crescere i volumi e le quote di mercato della Banca. A loro va il mio ringraziamento personale e quello di tutti i membri del Consiglio di Amministrazione. La solidità della Banca è ulteriormente accresciuta fino a raggiungere un patrimonio netto per azione pari a 19,2 euro che è stato il valore di emissione dell’ultimo aumento di capitale. I buoni risultati reddituali ci permettono di continuare a supportare gli stakeholders, i clienti, le comunità, il territorio, le associazioni, i fornitori, i dipendenti. Anche gli azionisti beneficiano della ritrovata liquidità del titolo e riceveranno un ottimo rendimento, dato che il Consiglio proporrà all’Assemblea un pacchetto di distribuzioni pari a 50 milioni di euro (in linea con il 2023): un dividendo di 0,67 euro per azione (in crescita rispetto a 0,62 euro dello scorso anno), la distribuzione gratuita di 1 azione ogni 30 possedute ed il continuato sostegno alla liquidità del titolo per 3,5 milioni di euro”.

Il Direttore Generale Alberto Naef ha aggiunto: “L’anno 2023 è stato un perfetto anno di transizione tra il Piano Industriale Sustainable 2023 ed il nuovo Piano I-mpact 2026. Abbiamo completato i progetti di revisione della gamma prodotti, di ristrutturazione del portafoglio crediti della Banca e di rivisitazione delle pratiche di Governance interna (cuore del Piano concluso) ed abbiamo lanciato con profitto la crescita dei volumi, il sostegno sociale dei territori e le sperimentazioni di intelligenza artificiale. La crescita di clienti, volumi e di quote di mercato, l’apertura di Arzignano, Caorle, Padova Facciolati e Padova Net Center, il supporto alle famiglie ed imprese del Triveneto con circa 2 miliardi euro di nuovi finanziamenti deliberati, tutti questi elementi – insieme alla motivazione e capacità delle nostre collaboratrici e collaboratori – ci confortano nel percorso intrapreso. Da tre anni consecutivi registriamo risultati brillanti che hanno rafforzato la Banca, e siamo fiduciosi che anche nel 2024 sapremo confermare performance in linea con il triennio 2021-2023”.

Il Vicedirettore Generale Georg Mair am Tinkhof ha concluso: “I dati definitivi del 2023 sottolineano ulteriormente la cresciuta solidità di Volksbank che è stata confermata anche da due agenzie internazionali di Rating, S&P Global Ratings e DBRS Morningstar, che hanno attribuito a Volksbank un livello ‘Investment Grade’. Anche il profilo di liquidità strutturale di Volksbank è stato ulteriormente rafforzato: nel settembre 2023 è stato collocato con grande successo un Green Covered Bond sul mercato dei capitali che ha ottenuto un forte riscontro anche internazionale. Nel 2024 l’attenzione sarà rivolta anche agli sviluppi macroeconomici che stiamo monitorando molto attentamente sia dal punto di vista del rischio, ma anche delle opportunità, in particolar modo per quanto riguarda il rischio tasso”.

Foto, Alberto Naef – Lukas Ladurner