Ultime Notizie

“Si inaspriscano le pene contro i violenti”, il modo giusto per celebrare la giornata contro la violenza sulle donne, conferma la senatrice Unterberger

25 Novembre 2021

author:

“Si inaspriscano le pene contro i violenti”, il modo giusto per celebrare la giornata contro la violenza sulle donne, conferma la senatrice Unterberger

“Bene l’iniziativa congiunta delle Ministre per un pacchetto di norme volte ad aumentare le tutele per le donne e a inasprire le pene per i violenti. È questo il modo giusto per celebrare questa giornata.” Così la Presidente del Gruppo per le Autonomie Julia Unterberger all’evento nell’aula del Senato per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne.  
“Purtroppo il maschilismo ha radici talmente profonde che ci vorranno davvero tanti sforzi prima di rimuoverlo dalla nostra cultura.
Non dimentichiamo che solo nel 1956 la Corte ha sancito l’incostituzionalità dello ius corrigendi, nel 1968 è stato abrogato il trattamento differenziato dell’adulterio e appena nel 1981 è stato cancellato dal codice penale l’attenuante per i delitti d’onore. La violenza nasce da qui, da una presunta cultura della supremazia maschile che non sopporta l’autonomia delle donne e che ancora resiste nella nostra società.
Una cultura che trova alimento nei meccanismi invisibili di denigrazione delle donne, nei modelli offerti dai mass-media, nel linguaggio quando non usa il femminile per i ruoli di potere.
Dobbiamo proseguire con questa battaglia culturale e dobbiamo colmare con urgenza le lacune legislative. La legge sul Codice Rosso ha introdotto nuove fattispecie di reato come il revenge porn. Con la riforma della procedura civile, finalmente si introduce una norma efficace contro la violenza economica. Ma il reato di istigazione all’odio non ha ancora visto la luce.
Ben venga allora l’iniziativa delle Ministre. Dimostra, ancora una volta, l’importanza delle donne in posizioni decisionali per affrontare concretamente i problemi delle donne, a cominciare dalla piaga della violenza.”

Foto. Julia Unterberger

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *