Cronaca Sanità Ultime Notizie

Zone Corona Pass” per eventi sicuri in Alto Adige

14 Maggio 2021

author:

Zone Corona Pass” per eventi sicuri in Alto Adige

Affinché sia subito possibile organizzare eventi in Alto Adige, l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige e l’Eurac hanno collaborato per elaborare insieme un progetto chiaro e allo stesso tempo semplice. In questi giorni il presidente dell’Unione Philipp Moser e il direttore dell’Eurac Stephan Ortner hanno presentato all’assessore provinciale all’economia e alla cultura Philipp Achammer la strategia per far ripartire il settore degli eventi in Alto Adige.
“Fino a oggi l’intero settore degli eventi e delle manifestazioni in Alto Adige è senza prospettive a medio termine, e deve puntare ancora su resilienza e capacità di sopportazione. Sono state registrate perdite di fatturato fino al 95 percento”, afferma Moser. “Ora è venuto il momento di rimettere in moto questo settore e poter programmare nuovamente le attività”, aggiunge Moser. “Finalmente abbiamo una chiara strategia per le riaperture, che ci permette di poter tornare a organizzare eventi e manifestazioni in maniera professionale e sicura”, aggiunge con soddisfazione la presidente dei prestatori di servizi per eventi nell’Unione Katrin Trafoier.
“Il nostro progetto prevede che, fin da subito, in aree limitate e controllabili – le cosiddette Zone Corona Pass – sia permesso allestire eventi sicuri”, spiega il direttore dell’Eurac Ortner. In queste zone avranno accesso tutti i possessori di Corona Pass. Queste misure restrittive valgono anche in presenza di allentamenti a livello nazionale. L’obbligo di eseguire controlli spetta all’organizzatore, che allestisce postazioni per i test, per esempio in occasione di eventi sportivi. Tutta la procedura avviene digitalmente, iscrizione compresa. Le norme del Corona Pass valgono anche per i partecipanti dall’estero.
Il progetto prevede che, con un’incidenza superiore a 10 sia possibile fin da subito allestire eventi che rispettino tre criteri: nessuna limitazione al numero di partecipanti, nessun distanziamento, ma misure di protezione (obbligo di mascherine e disinfezione). In caso di incidenza inferiore a 10 non saranno più necessarie misure di protezione e non sono previste limitazioni particolari.
Il presidente dell’Unione Philipp Moser conclude ringraziando l’Eurac per la buona collaborazione. “Noi tutti, in Alto Adige, vogliamo raggiungere un obiettivo comune: riaprire tutte le aziende, salvare posti di lavoro e dare una prospettiva alle persone”, ribadisce Moser, e questo comprende anche il locale settore degli eventi e manifestazioni.

 Didascalia: Il presidente dell’Unione Philipp Moser

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *