Cultura e società Teatro Ultime Notizie

TEATROSBLOCCATO, in scena Jacques e il suo Padrone

23 Aprile 2021

author:

TEATROSBLOCCATO, in scena Jacques e il suo Padrone

Proseguono le proposte virtuali del Centro Servizi Culturali S. Chiara. A partire da domani, sabato 24 aprile, sarà online la nuova pillola video gratuita di # TEATROSBLOCCATO dedicata a “JACQUES E IL SUO PADRONE”, pièce del drammaturgo ceco Milan Kundera. Dal 6 al 10 aprile scorso lo spettacolo, prodotto dalla compagnia trentina EMITflesti, ha fatto tappa al Teatro Auditorium di Trento (dopo due settimane di lavoro al Teatro Cuminetti) per cinque giornate di prove serrate, finalizzate alla registrazione dello spettacolo che verrà proposto al pubblico in streaming il prossimo venerdì 30 aprile.
In attesa dello spettacolo, l’appuntamento è sui canali virtuali del Centro (sito internet e social) con le nuove pillole di #TEATROSBLOCCATO: attraverso le voci dei protagonisti (dagli attori alla regista, passando per la costumista e il light designer), sarà possibile ascoltare le impressioni che hanno caratterizzato il loro percorso di avvicinamento alla registrazione, scoprendo infine qualche dettaglio in più sulla costruzione e sulla genesi dell’opera.
Prodotto da EMITflesti, “Jacques e il suo Padrone” è interpretato da Max MeranerAlessio Dalla CostaChiara ViscaGiulio Federico JanniMarta Marchi e Alessandra Frabetti, per la regia di Silvia Marchetti (assistente alla regia Simone Panza). Lo spettacolo si è avvalso inoltre della consulenza scientifica di Massimo Rizzante, con la direzione tecnica affidata a Andrea Gagliotta e i costumi di Simona Randazzo.
In un momento storico come questo, “Jacques e il suo Padrone” incarna il desiderio profondo e inappagato di evasione e spensieratezza, che non è fuga ma bisogno inestinguibile di serenità. Lo spettacolo è un viaggio di «sfrenata leggerezza», in cui si discorre d’amore senza mai indulgere al sentimentalismo, in cui si conversa di sesso senza assecondare il voyeurismo, con lo spauracchio esistenziale di un «è scritto lassù» che non riesce ad avere la forza fatalistica di rassicurare.

Foto, Monique/CentroSanta Chiara Trento

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *