Ultime Notizie

Bolzano. Musica da strada, due esponenti del PD propongono una modifica del regolamento comunale

2 Settembre 2020

author:

Bolzano. Musica da strada, due esponenti del PD propongono una modifica del regolamento comunale

Ancora una volta è stata negata ad un locale di Bolzano l’autorizzazione a tenere un concerto con la motivazione che questo avrebbe arrecato disturbo ai vicini. Il concerto avrebbe visto la partecipazione di una nota band bolzanina e si sarebbe dovuto tenere nella fascia oraria tra le 18:00 e le 21:30.
Troviamo difficile comprendere le motivazioni che hanno portato al rigetto della richiesta di autorizzazione. L’evento si sarebbe tenuto in una fascia oraria consentita, in una zona che si affaccia sulle superfici verdi del Lido di Bolzano, e che come moltissimi altri locali di Bolzano, si trova in un edificio destinato prevalentemente ad uso abitativo – scrivono Diego Laratta e Emilio Vettori, entrambi candidati del Partito Democratico per le elezioni comunali di Bolzano in una nota al nostro giornale. Questi eventi contribuiscono a rendere i quartieri del capoluogo altoatesino più dinamici, vissuti e sicuri e possono aiutare la ripresa delle attività per molti locali e artisti del nostro territorio, che subiscono gli effetti pesantissimi del lock-down e della crisi legata al Corona virus – affermano Laratta e Vettori, ponendo l’accento sul fatto che intendono modificare il regolamento comunale affinché sia garantito un bilanciamento equo tra chi ha diritto al riposo e chi desidera creare socialità, arte, cultura ed economia per la città.
Intendiamo adeguare la normativa affinchè che tutti i locali di Bolzano che rispettano i limiti acustici di cui alla L.P. 20/2012 possano organizzare, almeno una volta alla settimana, eventi musicali accessori nella fascia oraria tra le 18:00 e le 22:00. Inoltre, ci impegneremo affinché vengano dimezzati i tempi massimi per la concessione delle autorizzazioni. Bisogna sburocratizzare procedure troppo lunghe, che sono dannose per il tessuto sociale della città che vive anche di questo – concludono i due esponenti del Partito Democratico.

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *