Politica Ultime Notizie

Ripensare la scuola – adesso!

6 Luglio 2020

author:

Ripensare la scuola – adesso!

Molti dicono che quando la crisi finirà ci sarà una scuola completamente diversa rispetto a prima dello scoppio della pandemia. Già molto prima di questa crisi non mancavano le voci che chiedevano una scuola completamente diversa. “Quanto “diversa” sarà la scuola dopo la crisi?” Anche il Team K si sta occupando di questi problemi. Al momento, tuttavia, l’attenzione si concentra su come potrà funzionare la regolare attività scolastica in autunno e su chi dovrà farsi carico di questo.

Il “diritto all’istruzione” è sancito dall’articolo 28 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia. Gli Stati firmatari si impegnano quindi a fornire ai bambini e ai giovani pari opportunità educative. “I bambini e gli adolescenti hanno il diritto di frequentare la scuola, di imparare a scuola e di essere sostenuti secondo il loro talento e le loro capacità. I bambini e gli adolescenti vivono a scuola una comunità, necessaria per l’educazione emotiva e la competenza sociale”, dice Francesca Schir.

Sebbene le proposte della Direzione Istruzione e Formazione per l’inizio della scuola in autunno facciano riferimento al diritto all’istruzione e alle pari opportunità per tutti, esse non tengono conto delle diverse realtà locali. “Lo spazio e il personale disponibile, così come il numero di alunni e le condizioni variano da scuola a scuola. Moltissimi istituti di istruzione nelle zone rurali riferiscono di essere assolutamente in grado di fornire un’istruzione regolamentata nel rispetto delle norme sulla distanza e la sicurezza”, riferisce la consigliera provinciale Maria Elisabeth Rieder. Se le scuole non hanno spazio sufficiente a disposizione, la Provincia e i comuni sono chiamati a trovarlo, a finanziarlo se necessario e a metterlo a disposizione. Per questo motivo, è assolutamente inaccettabile richiedere per delibera a TUTTE le scuole della provincia di ridurre il numero di lezioni.

I mesi di formazione a distanza hanno evidenziato le lacune del nostro sistema  scolastico che dovranno essere essere colmate. Poche scuole erano preparate per l’insegnamento digitale, mancavano piattaforme di apprendimento e competenze digitali da parte degli insegnanti, per non parlare dell’infrastruttura digitale degli alunni. “Prima dell’inizio della scuola in autunno, è urgente organizzare una formazione degli insegnanti in materia di comunicazione e informazione, non solo per essere preparati a un eventuale secondo lockdown, ma anche per trasmettere agli alunni le competenze che sono contenute nelle linee guida quadro.”, sostiene il consigliere provinciale Alex Ploner.

Il Team K chiede la creazione di piattaforme di apprendimento digitali in tutte le scuole, nonché la fornitura di materiale didattico per tali piattaforme. Le scuole devono essere dotate dei mezzi necessari per raggiungere questo obiettivo in tempi brevi.

Il Team K è particolarmente critico nei confronti della prevista riduzione del tempo di insegnamento di circa il 30% nella scuola primaria, del 20% nella scuola media e del 10% nella scuola superiore. “Dopo tre mesi di apprendimento a distanza, una riduzione del tempo di insegnamento è assolutamente inaccettabile e va a scapito degli studenti. Crea un arretrato difficile da recuperare”, dice Ploner. I bambini imparano in modi diversi e a velocità diverse. “Tempi di entrata e di uscita flessibili vanno a vantaggio dei diversi ritmi dei bambini, e su questo siamo tutti d’accordo”, osserva Schir, “ma che allo stesso tempo questo comporti una riduzione della durata delle lezioni non è accettabile”.

“Forse molti insegnanti e genitori si pongono domande su questi aspetti senza darci troppo peso”, riflette Rieder. Ora è il momento di condividere questi pensieri con gli altri. E forse sono proprio questi pensieri inespressi che servono ora ad arricchire la discussione nell’opinione pubblica per progettare e ripensare l’attività scolastica nel periodo successivo al lockdown.

“Niente di tutto ciò è successo. L’estate è iniziata e le tanto attese informazioni sull’inizio del prossimo anno scolastico per gli studenti e i loro genitori sono molto vaghe e devono essere concretizzate con urgenza”, concludono Rieder, Schir e Ploner per il Team K.

Foto, Alex Ploner.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *