Cronaca Ultime Notizie

Qualità di vita migliorata grazie all’AltoAdige Pass Free: da 8 anni trasporti gratuiti per gli invalidi civili

28 Febbraio 2020

author:

Qualità di vita migliorata grazie all’AltoAdige Pass Free: da 8 anni trasporti gratuiti per gli invalidi civili

Da ormai 8 anni gli invalidi civili possono utilizzare gratuitamente tutti i mezzi pubblici della regione. Ciò è possibile grazie all’AltoAdige Pass Free, un titolo di viaggio nominativo per persone con un’invalidità civile riconosciuta di almeno il 74%. L’Associazione Invalidi Civili (ANMIC Alto Adige) mostra in una statistica attuale cosa è cambiato dall’introduzione del pass e spiega, cosa deve essere preso in considerazione.

Febbraio 2012: un mese importante per migliaia di altoatesini, come ricorda Anneliese, un’invalida civile di Brunico: “Soffro da anni di reumatismi e per questo motivo ho fatto domanda per l’invalidità civile. Prima dell’AltoAdige Pass Free era molto più difficile per me affrontare la mia vita quotidiana. Solamente venire fino a Bolzano non era facile, perché da anni percepisco una piccola pensione d’invalidità civile, con la quale posso coprire solo le spese più necessarie. Poi, 8 anni fa ho scoperto attraverso un conoscente che posso viaggiare gratis in tutto l’Alto Adige. Questo mi ha aperto un mondo nuovo.”

Non solo per Anneliese la qualità di vita è migliorata notevolmente, ma anche per molti altri invalidi civili in Alto Adige. Grazie al pass, il quale fu introdotto su iniziativa dell’ANMIC Alto Adige, non solo gli autobus e i treni regionali, ma anche le funivie e i citybus possono essere utilizzati gratuitamente e senza limiti. Per poter usufruire del servizio, una commissione medica deve riconoscere al richiedente un’invalidità civile di almeno il 74%. “Il riconoscimento dell’invalidità civile è sempre il primo passo per far sì che una persona affetta da minorità fisiche, psichiche o sensoriali possa essere aiutata. Secondo la percentuale dell’invalidità civile l’assistenza spazia dalla concessione di ausili gratuiti fino al pagamento di prestazioni finanziarie”, spiega Thomas Aichner, Presidente ANMIC Alto Adige.

Come altri biglietti di viaggio, anche l’AltoAdige Pass Free deve essere portato con sé e convalidato al momento della salita e della discesa – altrimenti verrà applica una penale di 60 euro. Sono escluse dall’obbligo di convalida tutte le persone che non possono eseguire la procedura a causa della loro minorazione fisica permanente. Per essere esonerato dall’obbligo di convalida, il titolare deve segnare l’apposita casella durante la procedura di richiesta. Fatto ciò, l’AltoAdige Pass Free si distinguerà dagli altri Pass con un asterisco, il quale segnala al controllore che il passeggero è esonerato dall’obbligo di convalida. In ogni caso, il rilascio del pass è gratuito, mentre la richiesta per un duplicato – ad esempio in caso di smarrimento – comporta 20 euro.

Negli ultimi anni e con l’aumento degli invalidi civili in Alto Adige, anche i pass rilasciati sono aumentati ad un totale di 8.235 aggiornati al 31.12.2019, incrementando così dello 0,8%. “Abbiamo recentemente ricevuto i dati attuali dall’Ufficio Trasporto Persone. Siamo contenti che il servizio venga preso in considerazione da sempre più persone”, spiega Thomas Aichner.

La statistica rivela che solo poco più del 30% delle persone che hanno diritto al pass lo ha effettivamente richiesto. Così, 17.911 persone non hanno richiesto l’AltoAdige Pass Free nello scorso anno, nonostante ne avrebbero avuto diritto. “Questo è un chiaro segnale che la maggior parte degli invalidi civili non è sufficientemente informata sui propri diritti. Per una visione migliore è quindi fondamentale che queste persone si rivolgano ad un centro di consulenza competente dopo aver ottenuto il risultato della commissione medica”, raccomanda Thomas Aichner. “Molti di questi diritti possono essere richiesti appena dopo il risultato, proprio come anche l’Alto Adige Pass Free”.

Dall’anno scorso l’AltoAdige Pass Free appare in un nuovo design. Nonostante ciò, il “vecchio” pass può ancora essere utilizzato come prima. “La domanda per il pass può essere compilata sul sito web altoadigemobilità o presso l’ufficio dell’ANMIC Alto Adige a Bolzano, dove viene poi inviata gratuitamente all’Ufficio Trasporto Persone”, spiega Thomas Aichner.

Foto, Thomas Aichner.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *