Cultura & Società Ultime Notizie

2020, anno commemorativo di Kafka a Merano

20 Gennaio 2020

author:

2020, anno commemorativo di Kafka a Merano

L’altra mattina presso l’istituto per le biotecnologie e il turismo “Marie Curie” (FOS) sono stati presentati gli eventi in programma per le celebrazioni del centenario del soggiorno dello scrittore Franz Kafka a Merano. Alla conferenza stampa sono intervenuti il sindaco Paul Rösch, la direttrice dell’Urania Merano Marlene Messner nonché Veronika Rieder e Patrick Rina del gruppo di lavoro Kafka. A seguire, nel sottopasso della stazione ferroviaria, è stata inaugurata ufficialmente una mostra dedicata a Kafka e allestita a cura di alcuni studenti del FOS.  

Nella primavera del 1920 l’impiegato e scrittore praghese Franz Kafka (1883-1924), ammalatosi di tubercolosi, soggiornò per cure a Merano e a Maia Bassa. Il 2020 sarà – cent‘anni dopo la sua permanenza in riva al Passirio – un anno dedicato a Kafka. Franz Kafka, scrittore di lingua tedesca e di famiglia ebrea, è uno degli autori più importanti del XX secolo. Dopo aver contratto la tubercolosi polmonare, Kafka soggiornò in diversi luoghi di cura, e fra questi – nel periodo da aprile a fine giugno del 1920 – a Merano e Maia Bassa. La tbc a quei tempi era una malattia molto diffusa e fondamentalmente incurabile. Ai pazienti veniva prescritta la cura dello sdraio all‘aria aperta con una moderata attività fisica e un’adeguata alimentazione, nella maggior parte dei casi però senza successo. Il clima mite di Merano offriva ai „tisici“ un certo beneficio. Il soggiorno meranese di Kafka è comprovato dall‘elenco degli stranieri pubblicato dal “Burggräfler” e soprattutto dalle famosissime “Lettere a Milena”. Dapprima trovò sistemazione presso il Grandhotel Emma. Allo spirito solitario del poeta però l’albergo poco si addiceva, così Kafka si trasferì nella pensione Ottoburg a Maia Bassa. Franz Kafka trascorse molto tempo a redigere dettagliate lettere. Le ultime lettere scritte da Kafka presso la pensione Ottoburg di Maia Bassa risalgono alla fine di giugno del 1920.

L’anno commemorativo dedicato a Franz Kafka nasce da un’idea del giornalista Patrick Rina. L’intento è duplice: da un lato si vuole porre l’accento sul soggiorno meranese di uno dei più significativi protagonisti della letteratura moderna, dall’altro lato si vuole studiare un capitolo della storia contemporanea spesso trascurato dalla “grande” storiografia. La presenza di Kafka in città dall’aprile al giugno 1920 è inserita in un contesto storico-politico cruciale per il Tirolo meridionale. Il 1920 è infatti incastonato tra lo sbriciolamento del “Mondo di ieri” (1918) e l’ascesa al potere del Fascismo in Italia (1922). Attraverso una serie di eventi e proposte culturali si intende collocare Kafka in una precisa topografia della città in riva al Passirio: dove ha abitato? Quali luoghi ha frequentato? Come si presentava la vita politica, sociale e culturale nella Merano di Kafka?

Le iniziative dell‘anno commemorativo di Kafka sono state ideate per la cittadinanza meranese, dei Comuni limitrofi e di tutto l‘Alto Adige/Südtirol, per insegnanti, scolari e studenti, esperti, ospiti stranieri e italiani.

Il logo, appositamente creato per l’anno commemorativo da Andrea Dürr, vuole costruire un ponte immaginale tra il 2020 e il 1920, l’anno del soggiorno meranese di Kafka. L’idea del francobollo stilizzato è un elegante tributo alle tante e affascinanti lettere – tra cui le memorabili Lettere a Milena – che Kafka compose in riva al Passirio. Le date presenti sul logo sono volutamente invertite per suggerire un viaggio con la macchina del tempo: grazie ai tanti progetti divulgativi nel 2020 si ritorna al 1920. Al centro del “francobollo kafkiano” campeggia soave e al contempo deciso l’autografo del grande praghese. Il logo vuole fungere da fil rouge che ci accompagnerà attraverso le diverse manifestazioni dell’anno dedicato a Kafka. Concetto grafico: loladesign – büro für gestaltung, meran

Un’impressionante schiera di partner partecipa all’organizzazione degli eventi: il Comune di Merano, la Biblioteca civica, il Palais Mamming Museum, la Giardineria comunale, Merano Arte, l’Azienda di Cura e Soggiorno, il Touriseum, l’Accademia di Merano, il Theater in der Altstadt e il Piccolo Teatro di Merano, le università popolari Urania e UPAD, il FAI (Fondo Ambiente Italiano), le Scuole superiori della città, le associazioni culturali Tangram e Rus’, la casa-museo Villa Freischütz, il Museo della Donna, la Comunità ebraica di Merano, la Comunità evangelica di Merano e la casa editrice Raetia.

Idea e organizzazione
“Gruppo di lavoro Kafka” con i coordinatori Patrick Rina e Veronika Rieder e i membri Andreas Cappello, Karl Chizzali, Horst Ellmenreich, Richard Kienzl, Alexander Knoll, Fausta Menghini, Stefan Pur, Gerti Wolf e Sandro Zamai.

Eventi gennaio-giugno 2020

  • Theater in der Altstadt: spettacolo teatrale “Der Prozess” (19, 21 e 23 gennaio)
  • Urania Meran: cerimonia d’inaugurazione dell’anno dedicato a Kafka con Helena Janeczek e Reiner Stach (20 marzo); convegno “Kafka a Merano – Cultura, politica e società negli anni 1918-1922” (21 marzo); presentazione del libro “Kafka von Tag zu Tag” con Reiner Stach (22 marzo); “Kafka bittet zu Tisch” – Una serata letteraria e culinaria (2 aprile); Visite guidate alla scoperta della Merano di Kafka con Patrick Rina, Veronika Rieder e Christoph Gufler (9, 16 e 23 maggio)
  • Kunst Meran: nella piazzetta situata nei pressi dell’ex pensione Ottoburg a Maia Bassa verrà realizzata un’opera d’arte del artista ceco Dominik Lang (nel corso dell’anno)
  • Palais Mamming Museum e Archivio storico: mostra „Vaterland Österreich – Siamo in Italia!“ (7 aprile 2020 – 6 gennaio 2021); presentazione del libro “Lettere a Milena” a cura di Guido Massino (21 aprile)
  • Touriseum: mostra itinerante “Santo cielo, Milena, se Lei fosse qui” all’ex Hotel Emma, nel vecchio Municipio di Maia Bassa e al Touriseum (20 marzo – 15 novembre)
  • Accademia di Merano: Studium Generale: Menschenwürde in der Kunst – Franz Kafka (19 e 26 marzo); mostra “Merano 1918-1922. La città di cura negli anni di transizione tra la fine della prima guerra mondiale e i primi anni venti del XX secolo” (22 marzo – 5 aprile); Convegno breve “Kafka, l’Austria e la burocrazia” (5 giugno) Casa-museo Villa Freischütz: Mostra “2 x Franz” – Raffronto Franz Kafka e Franz Fromm (30 marzo – 1° agosto)
  • Biblioteca civica: esposizione di libri e quiz su Franz Kafka (fine gennaio); workshop su Kafka per scuole superiori (fine gennaio); realizzazione di panchine con citazioni di Kafka (in collaborazione con la Giardineria comunale)
    Giardineria comunale: creazione di una scultura floreale; realizzazione di panchine con citazioni di Kafka (in collaborazione con la Biblioteca civica)
  • Azienda di Cura e Soggiorno: visite guidate letterarie (stagione turistica 2020)
    Fondo Ambiente Italiano: “Merano cent’anni fa. 1920 – Turismo di cura e Grand Hotel” – Visite guidate ai tre grandi alberghi in Piazza Mazzini (22 marzo)
  • UPAD Merano: conferenza con Ferruccio Delle Cave “Franz Kafka – Da Riva del Garda a Merano” (22 aprile)
  • Museo delle Donne: salone letterario dedicato a Milena Jesenská, in collaborazione con l’Urania (29 aprile)
  • Tangram: Visite guidate “A passeggio con Kafka” (9 e 16 maggio); conferenza storica “Il risveglio di Merano” (12 maggio)
  • Wirtschaftsfachoberschule „Franz Kafka“ Meran: proiezione del film “Metamorphosis/Die Verwandlung” (28 e 29 gennaio); maratona di letture (5 marzo); “Kafka im Portrait” – Presentazioni su Kafka (7 aprile); Kafka multimediale (12 maggio)
  • Gymnasien Meran Gymme e Licei Gandhi Merano: presentazioni degli studenti nei luoghi di Kafka “La mappa di Kafka: I luoghi, le lettere” (17 e 18 marzo)
  • Realgymnasium “Albert Einstein” e Technologische Fachoberschule “Oskar von Miller” Meran: visite guidate alla Merano di Kafka (su richiesta)
  • Fachoberschule für Tourismus und Biotechnologie “Marie Curie” Meran: mostra dedicata a Kafka nel sottopassaggio della stazione ferroviaria (17 gennaio – 31 dicembre); realizzazione di una pagina Instagram e di un video su Kafka; mostra dedicata all’opera di Kafka nella biblioteca della scuola; realizzazione di un coleottero di legno; piccola mostra dedicata alla Merano del 1920 (a partire da marzo)

Promotori e sponsor dell’anno di Kafka
Comune di Merano, Urania Merano, Ripartizione cultura tedesca della Provincia Autonoma di Bolzano e Merano Arte. Il progetto viene inoltre sostenuta da sponsor: Cassa Raiffeisen Merano, Birreria Forst – Acqua minerale Merano – San Vigilio, Lions Club Merano Host, Lions Club Merano Maiense, Rotary Club Merano, Soroptimist Club Merania, Classic Hotel Meranerhof, Cantina Merano Burggräfler.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *