Cronaca Ultime Notizie

Alto Adige. Pattugliamenti congiunti Carabinieri, Polizia Cantonale Svizzera e Guardie di Confine italo svizzero

6 Dicembre 2019

author:

Alto Adige. Pattugliamenti congiunti Carabinieri, Polizia Cantonale Svizzera e Guardie di Confine italo svizzero

Negli scorsi giorni presso la caserma dei Carabinieri di Silandro e nell’aula magna dell’Istituto Tecnico per il Settore Economico di Silandro, è stata svolta l’attività di formazione per i servizi di pattugliamento misto previsti dall’accordo sulla cooperazione di polizia e doganale tra il Governo della Repubblica Italiana ed il Consiglio Federale Svizzero, firmato a Roma il 14 ottobre 2013.
L’attività di formazione appena conclusasi a Silandro, con la partecipazione congiunta dei militari dell’Arma dei Carabinieri, degli agenti della Polizia Cantonale dei Grigioni e del Corpo delle Guardie di confine elvetico, rappresenta un passaggio fondamentale per l’effettiva realizzazione, sin da ora, dei servizi di pattugliamento misto nella zona di confine fra il Cantone dei Grigioni e la Provincia di Bolzano.
L’importante evento è stato inaugurato con il saluto delle Autorità italiane e svizzere rappresentate rispettivamente dal Gen. B. Ugo Cantoni, Comandante della Legione Carabinieri Trentino Alto Adige, e dal Magg. Marco Steck della Polizia cantonale dei Grigioni, e quindi terminato con la consegna degli attestati di partecipazione ai frequentatori da parte del Col. Cristiano Carenza, Comandante Provinciale dei Carabinieri di Bolzano e del citato Ufficiale svizzero.
Nei prossimi giorni appunto, inizierà la collaborazione fra le intervenute forze dell’ordine con particolare attenzione agli scambi info-operativi in merito ai controlli transfrontalieri di persone e mezzi, finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati in genere.
L’incontro formativo ed organizzativo è stato proprio caratterizzato sull’apprendimento delle rispettive norme di regolamentazione giuridica e sulle corrispondenti procedure operative eseguite in Italia ed in Svizzera.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *