Cultura & Società Ultime Notizie

Trento. Arriva Faggin, il papà del microprocessore

20 Ottobre 2019

author:

Trento. Arriva Faggin, il papà del microprocessore

Trento. Un viaggio alle origini di microprocessore e touchscreen. Lo proporrà all’Università di Trento il fisico Federico Faggin, classe 1941, considerato lo Steve Jobs italiano della tecnologia.
Da oltre 50 anni vive negli Stati Uniti e in questo periodo si trova in Italia per alcune conferenze. Farà tappa anche a Trento con l’incontro “Dall’invenzione del microprocessore alla nuova scienza della consapevolezza” lunedì 21 ottobre, alle 16.30, nell’aula magna A101 del Polo Ferrari 1 (Povo – Via Sommarive, 5). L’ingresso è libero ed è aperto alla comunità universitaria e, in generale, a tutte le persone interessate a conoscere un fisico che ha contribuito in modo determinante all’avvento della società dell’informazione.
«Faggin è un personaggio noto a livello internazionale e sarà davvero una bella occasione poterlo accogliere nella nostra università e ripercorrere con lui l’evoluzione della tecnologia microelettronica» commenta Dario Petri, direttore del Dipartimento di Ingegneria industriale dell’Ateneo di Trento. «È considerato il papà del microprocessore perché è stato sia l’ideatore della tecnologia che ne ha permesso la realizzazione, sia il responsabile del progetto che ha portato alla realizzazione del primo microprocessore della storia».
Un’esistenza intensa, quella di Faggin, come emerge dal libro “Silicio” (Mondadori, 2019). «In questa autobiografia – si legge nella presentazione – racconta le sue quattro vite, dall’infanzia ai primi lavori, dalla controversia con Intel per l’attribuzione della paternità del microprocessore, fino al suo appassionato impegno nello studio scientifico della consapevolezza. Quattro vite densissime, di successi e battute d’arresto, di scoperte e cambiamenti, di amici e nemici, che Faggin ripercorre passo dopo passo e arricchisce di aneddoti riguardanti la sua vita privata e di approfondimenti sulle tecnologie da lui inventate».
«Sono nato a una nuova vita ogni volta che, osservando il mondo da insospettati punti di vista, la mia mente si è allargata a nuove comprensioni. Sono nato a nuove vite quando ho smesso di razionalizzare, ho ascoltato la mia intuizione e mi sono aperto al mistero» afferma Faggin.
Federico Faggin, nato a Vicenza nel 1941, si è laureato in fisica all’Università di Padova. Nel 1968 si è trasferito nella Silicon Valley da dove, con l’invenzione del microprocessore e del touchscreen, ha fornito un contribuito determinante all’avvento della società dell’informazione.
È stato, infatti, l’ideatore della tecnologia MOS (Metal Oxide Semiconductor) Silicon Gate che ha permesso la fabbricazione del primo microprocessore della storia, l’Intel 4004, di cui ha diretto il progetto di sviluppo. Nel 1974 ha fondato e diretto la Zilog, azienda dedicata alla fabbricazione del microprocessore Z80, e nel 1986 ha cofondato e diretto la Synaptics, che ha sviluppato i primi touchpad e touchscreen.
Tra i tantissimi riconoscimenti, Faggin ha ricevuto dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama la medaglia nazionale per la tecnologia e l’innovazione, e la medaglia d’oro per la scienza e la tecnologia della Presidenza del Consiglio italiana.

Link all’evento: www.unitn.it/invenzione-microprocessore

Foto, Federico Faggin/© Elvia Faggin.

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *