Cultura & Società Ultime Notizie

Trento. Ai Confini e Oltre fra classica e jazz

9 Ottobre 2019

Autore:

Trento. Ai Confini e Oltre fra classica e jazz

È stata presentata la rassegna Ai Confini e Oltre – fra classica e jazz, nata da una collaborazione tra la Società Filarmonica di Trento, Sonata Islands, il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Trento e Trentino Jazz. Ieri mattina, nel corso di una conferenza stampa, è stato illustrato il programma da Lorenzo Arnoldi, presidente della Società Filarmonica, Antonio Carlini, direttore artistico della Società Filarmonica, e Emilio Galante, presidente di Sonata Islands.
Il tema dell’edizione 2019 della rassegna è la “terza corrente”, un movimento artistico nato negli anni Cinquanta del secolo scorso negli Stati Uniti, impegnato a costruire un terreno di incontro fra musica classica e jazz. L’intento dei protagonisti era quello di evidenziare la valenza del jazz come “musica d’arte”, superando il concetto allora dominante di una musica solo ‘leggera’, ‘da ballo’ come era considerato lo swing.
Il programma di questa edizione 2019 della rassegna intende quindi sottolineare alcuni caratteri della “terza corrente”: il suo essere musica da camera, dove l’apporto degli strumenti percussioni è limitato o assente; la sua predilezione per colori timbrici capaci di accostare ai fiati caratteristici del jazz gli archi; una rilettura della tradizione classica ottocentesca in veste jazzistica.
Ai quattro appuntamenti della rassegna che si terranno nella Sala Filarmonica di Trento (il 17, 24 e 31 ottobre, e il 7 novembre) faranno da preludio due incontri di riflessione musicologica (mercoledì 2 e giovedì 10 ottobre) su temi specifici in collaborazione con l’Università di Trento: incontri utili ad avvicinare il pubblico della classica ad alcune tematiche del jazz che si possono a tutti gli effetti definire “colte”. Il primo incontro è dedicato alla ricezione del jazz in Italia, con una tavola rotonda sul tema, e il secondo alla filmografia del cineasta Gianni D’Amico.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *