Cronaca Ultime Notizie

Controlli intensi della Polizia su treni e stazioni ferroviarie

31 Ottobre 2019

author:

Controlli intensi della Polizia su treni e stazioni ferroviarie

591 persone identificate di cui 135 con precedenti di polizia, 73 pattuglie impiegate per controlli in ambito stazione, 23 treni scortati e 4 persone denunciate, 25 grammi di sostanza stupefacente sequestrata e 4 soggetti sanzionati amministrativamente ed  allontanati dagli scali ferroviari  ai sensi del Decreto Sicurezza. È questa in sintesi l’attività che ha visto impiegati gli uomini della Polizia Ferroviaria del Compartimento di Verona nelle quattro province di competenza, Verona, Vicenza, Trento e Bolzano, nella giornate del 29 e 30 ottobre. Nella stazione di Bolzano, l’attività straordinaria di vigilanza e controllo da parte della Polizia Ferroviaria, è stata effettuata con l’ausilio dei militari dell’Esercito, appartenenti al dispositivo “Strade sicure” e di unità cinofile della Guardia di Finanza, il cui apporto è risultato prezioso ed indispensabile nella scoperta delle sostanze stupefacenti occultate negli effetti personali dei viaggiatori. Tra i denunciati, un cittadino gambiano, regolare sul territorio nazionale, è stato individuato ed identificato nel sottopasso ferroviario della stazione di Bolzano. Controllato è stato trovato in possesso di sostanza stupefacente tipo marijuana, poi sequestrata. Un cittadino, italiano, è stato “segnalato” dal cane della GdF e dal conseguente controllo è stato trovato in possesso di sostanza stupefacente, tipo marijuana e hashish, che lo stesso ha dichiarato detenere per uso personale. Sequestrata la droga, l’individuo è stato segnalato al locale Commissariato del Governo. Presso la stazione del Brennero, nel corso di uno dei numerosi controlli disimpegnati a bordo del treno dalla Polizia Ferroviaria, sono stati individuati due stranieri, padre e figlio, risultati in possesso di documenti di identità italiani alterati, utilizzati allo scopo di entrare in territorio austriaco. I due sono stati deferiti in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria e messi a disposizione dell’Ufficio Immigrazione per gli aspetti di specifica competenza.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *