Cronaca Ultime Notizie

Allarme di protezione civile, prova delle sirene il 10 ottobre

7 Ottobre 2019

author:

Allarme di protezione civile, prova delle sirene il 10 ottobre

Giovedì 10 ottobre, a partire dalle 10, le 550 sirene presenti nei 9 distretti dei vigili del fuoco produrranno il particolare suono ululante dell’allarme della protezione civile che dura circa un minuto senza pause. “E’ una prova necessaria – spiega il direttore della Protezione civile, Rudolf Pollinger – che da un lato serve per verificare che tutto funzioni correttamente e non ci siano problemi tecnici, e dall’altro per aumentare la consapevolezza dei cittadini e far conoscere loro il suono dell’allarme di protezione civile”.

In caso di allarme di protezione civile, ossia se si sente una sirena crescente e decrescente per la durata di un minuto, bisogna cercare subito riparo all’interno di un edificio. Se si è in casa, bisogna chiudere tutte le porte e le finestre e spegnere eventuali impianti d’areazione, quindi, accendere la radio, la televisione o accedere alla rete e attendere le informazioni. In nessun caso si deve chiamare il 112 o altri numeri di emergenza. L’indicazione che si tratta di un allarme di prova comparirà anche nelle emittenti televisive trasmesse tramite la RAS. “Fino ad oggi – afferma il direttore d’ufficio protezione civile Günther Walcher – non è mai stato necessario allertare tutta la popolazione del territorio”. Settimanalmente, di sabato, poco prima delle 12, viene effettuata una prova con un suono lungo 15 secondi. L’allarme dei vigili del fuoco prevede invece un suono lungo 15 secondi ripetuto per tre volte, con pause di 7 secondi.

La prova dell’allarme di protezione civile è stata fatta l’ultima volta tre anni fa, e d’ora in avanti sarà fatta annualmente. Quest’anno la prova funge anche da preludio alla settimana della protezione civile, che viene svolta anche per la prima volta a livello nazionale e che d’ora in avanti prenderà il via il 13 ottobre, giornata internazionale per la prevenzione dei disastri.

Foto/c-ASP/Maja Clara.  

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *