Politica Ultime Notizie

Bolzano. Utilizzo illecito dei fondi riservati, doppia sentenza, Durnwalder e Urzì condannati

16 Marzo 2019

Autore:

Bolzano. Utilizzo illecito dei fondi riservati, doppia sentenza, Durnwalder e Urzì condannati

Condannati dalla Corte dei Conti l’ex presidente altoatesino Luis Durnwalder e il consigliere provinciale Alessandro Urzì. Durnwalder è stato condannato in secondo grado al pagamento di 23.643 Euro (oltre alla rivalutazione monetaria e alla spese di giudizio) per l’utilizzo del fondo riservato – cosiddetto Sofo – per il periodo compreso tra ottobre 2012 e marzo 2013. Gli è stato riconosciuto il dolo e la somma che dovrà versare comprende 8.800 Euro per spese di varia natura non riconosciute , mentre il resto riguarda conguagli calcolati tra il fondo riservato e il conto personale di Durnwalder. “Concezione privatistica in ordine alla gestione del fondo riservato” è la motivazione della sentenza, analoga peraltro a questo espresso in primo grado .
Sentenza di condanna emessa ieri dalla Corte dei Conti per l’ex capogruppo Alessandro Urzì (prima di Pdl e poi di Alto Adige nel cuore che dovrà pagare 31.450 Euro  per avere utilizatto i fondi pubblici nel periodo 2008 -2012 senza la “documentazione di spesa”. È stata considerata l’avvenuta prescrizione fino al 2011 compreso, valutando quindi solo le spese effettuate da Urzì nel 2012. Tutto in ordine invece per il 2013. Urzì si era difeso affermando di aver sempre rispettato il regolamento consiliare. “Il regolamento prevedeva le modalità di rendicontazione – ha detto Urzì – e veniva trasmessa al consiglio provinciale , che la valutava e quindi la approvava. Per anni non è stata sollevata obiezione alcuna rispetto a come venivano redatti questi rendiconti e lo si scopre solo a distanza di anni. Inoltre io avevo restituito ogni anno i soldi residui di spesa, cioè che non avevo utilizzato, come risultava dalle rendicontazioni”. Ieri alla pubblicazione della sentenza Urzì si è detto sorpreso e ha annunciato ricorso.

In foto, Luis Durnwalder

 

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *