Cultura & Società Spettacoli Ultime Notizie

Trento. Jazz’About inaugura la stagione con un sold out: sul palco del SanbàPolis YUSSEF DAYES e il dj set di BONOBO

24 Ottobre 2018

author:

Trento. Jazz’About inaugura la stagione con un sold out: sul palco del SanbàPolis YUSSEF DAYES e il dj set di BONOBO

Un’apertura davvero coi fuochi d’artificio per la stagione 2018/19 di JAZZ’ABOUT del Centro Servizi Culturali S. Chiara, che fa registrare il primo sold out. Sabato 27 ottobre, negli spazi del Teatro Sanbàpolis di Trento, a partire dalle ore 21 ci si potrà davvero sentire al centro della scena musicale europea più attuale e cosmopolita. Una scena dove il jazz resta un riferimento ineludibile, assolutamente; ma più che un approccio codificato (e magari prevedibile, per quanto prezioso), ciò che si incontra è prima di tutto un’attitudine. Attitudine fatta di visioni aperte, di contaminazioni afro, di fisicità funk, di rimandi ai dancefloor – nella loro versione più “colta” ed evoluta.
Ad aprire la serata sarà la formazione guidata dal batterista inglese YUSSEF DAYES, già metà del fortunatissimo progetto Yussef Kamaal, una delle vere rivelazioni della scena jazz-funk mondiale nell’ultimo triennio. Sciolto il sodalizio col tastierista Kamaal Williams, Dayes ha preso in mano la situazione con piglio da autentico leader: il suo caratteristico drumming, pirotecnico ed “aereo” al tempo stesso, si è messo al servizio di una musica fatta ora di più colori, più strati, più suggestioni armoniche (come testimoniato ad esempio dalle session di qualche mese fa ai leggendari Abbey Road Studios londinesi). Striature soul, jazz e funk incontrano venature via via prismatiche (con omaggi al Miles Davis “elettrico” dei primi anni ’70), o afro-caraibiche, o addirittura “cosmiche” (d’altro canto uno dei più stretti collaboratori di Dayes è quel Charlie Stacey già pianista nelle ultime versioni della Sun Ra Arkestra). La musica in questo modo diventa una creatura in continuo movimento. Un movimento fatto comunque di sudore, classe ed intensità. Soprattutto nella dimensione live. Anche perché il background musicale del batterista anglosassone si è formato anche frequentando (e continuando a frequentare) la vivacissima scena della club culture londinese, dove techno, house e breakbeat si contaminano col patrimonio storico della musica black.
Gli alfabeti del dancefloor sono “casa” anche per Simon Green, alias BONOBO, l’headliner della serata. Inglese anch’egli, esordisce all’alba del nuovo millennio con alcuni lavori che catturano subito l’attenzione di critica e pubblico, tanto che a breve arriva il contratto con una label di prestigio come la Ninja Tune (un’assoluta autorità nell’intersezione tra dance, hip hop più creativo ed invenzioni digitali). Da lì, l’ascesa di Green diventa costante: nessun botto improvviso, ma un lento e continuo sedurre fette sempre più ampie di pubblico in giro per il mondo. “Dial ‘M’ For Monkey” (2003), “Days To Come” (2006), “Black Sands” (2010), “The North Borders” (2013) sono le tappe di un successo “gentile” ma al tempo stesso impressionante: niente singoli fortunati che fanno da isolati exploit, niente suoni forzatamente alla moda, ma un convinto e serafico inseguire lavoro dopo lavoro una propria personalissima chiave sonora dove house ed hip hop si sciolgono e fondono in morbidezze impressioniste intrise di animo soul e delicatezza jazzy. “Migration”, uscito l’anno scorso, è il disco di un artista che ha raggiunto un successo planetario non voluto, non cercato, ma assolutamente meritato per classe e gusto. A Trento arriva nelle vesti di dj: vesti in cui si trova assolutamente a suo agio (come testimoniato ad esempio dal seminale mix cd “Bonobo Presents Solid Steel: It Came From The Sea”, uscito nel 2005) e dove riesce ad esprimere sempre con la stessa classe e naturalezza la sua visione sonora rendendola giusto più “fisica” e d’impatto, per chi sa e vuole fruire la musica non solo con la mente ma anche col corpo e i suoi movimenti.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *