Cultura & Società Ultime Notizie

Birmehlherbst* a Verdines e Pardell, sapori per tutta la famiglia

12 Settembre 2018

author:

Birmehlherbst* a Verdines e Pardell, sapori per tutta la famiglia

La festa con show gastronomico, crumble alla farina di pere, il dott. Thuile e il “Sortengarten Südtirol”. 

Verdines/Pardell – “Il Birmehlherbst è ormai un grande successo”. Meinrad Kerschbaumer ne gioisce orgoglioso: “Siamo molto felici, quest’anno, di poter estendere quest’evento per un’intera settimana, dal 17 al 23 settembre”. Kerschbaumer è il portavoce del Gruppo di lavoro Birmehlweg, iniziativa avviata otto anni fa. Da allora si prodiga nel riportare in auge la farina di pere, una tipica tradizione contadina di Verdines, non solo impiegata per la creazione di piatti e specialità sempre nuove, ma che ha attirato l’attenzione di altri settori specialistici. “Siamo riusciti organizzare un’intervista live con il noto esperto in medicina complementare, esperto nutrizionista, autore di libri e medico radiofonico su Südtirol 1 e Radio”, ha svelato sorridendo Hubert Rungger, uno dei promotori del sentiero Birmehlweg.

Il Birmehlherbst di Verdines è ormai diventato un appuntamento gastronomico che, quest’anno dal 17 al 22 settembre, propone piatti della cucina contadina dell’Alto Adige all’insegna della farina di pere. “Oggi molti piatti sono introvabili nei menù”, ha dichiarato Meinrad Kerschbaumer. Per l’intera settimana, quattro aziende ristoratrici di Verdines e Pardell proporranno svariate specialità dal tema farina di pere. “La festa vera e propria di domenica 23 settembre, detta Birmehlsunntig, dalle 10 alle 17 invita a una passeggiata culinaria per tutta la famiglia”, ha spiegato Hubert Rungger. E quest’anno l’evento supererà sé stesso: in una cucina a vista, Gusto fa Scuola Alto Adige preparerà svariate specialità culinarie a base di farina di pere, quali p.e. praline di gorgonzola su crumble di farina di pere e zucca o un dessert di ricotta, farina di pere e pere, che potranno essere degustate gratuitamente.
Ma non è solo il mondo della gastronomia a essere interessato a questo tema: anche il dott. Christian Thuile ha scoperto la farina di pere. Il 23 settembre, alle 11 presso l’Hintnerhof avrà dunque luogo l’intervista di questo esperto in medicina complementare da parte di Christine Rabanser, moderatrice di Radio-Tirol sul tema dell’alimentazione. “I prodotti fatti in casa e altamente naturali sono per me la base di una nutrizione sana e bilanciata”, ha dichiarato il medico radiofonico. “Le nostre nonne conoscevano il valore di questi preziosi tesori che oggi trova sempre maggiore conferma anche nella scienza. Sono senza dubbio un interessante arricchimento del nostro piano alimentare; mi sta particolarmente a cuore che non vengano dimenticati, ma piuttosto reinterpretati in chiave moderna e innovativa”.
“Il percorso circolare della Birmehlsunntig, che sbocca sul Sentiero delle Castagne tra Velturno e Pardell, ha la durata di un’ora buona ed è adatto a tutta la famiglia”, ha affermato soddisfatto Meinrad Kerschbaumer. “Lungo il tracciato, 20 stazioni invitano a una piacevole sosta con degustazione”. Le escursioni guidate sul Sentiero Birmehlweg, con partenza dalla piazza di Verdines, vengono effettuate in lingua italiana e tedesca alle 10.30 (de), 11.30 (it) e 14.30 (de). “Offriamo un programma interessante ed entusiasmante per tutta la famiglia”. E con questo Hubert Rungger non esagera affatto: l’associazione cacciatori fornirà informazioni su animali selvatici e natura, le slackline metteranno alla prova l’equilibrio e un angolo del make-up garantirà ai visitatori volti variopinti e buon umore; il Sortengarten Südtirol illustrerà antiche varietà di frutta e la cura di vecchie piante da frutto, mentre le colleghe della Val Venosta parleranno della Palabire, proponendone la degustazione, e gli Eisacktaler Freizeitmaler presenteranno le loro opere pittoriche lungo il Sentiero Birmehlweg. Infine, per la prima volta quest’anno, è stata ideata la Birmehl card: chi presenterà i timbri delle tre stazioni di Pardell, Moar zu Viersch e Verdines, prenderà parte a un’estrazione.
La farina di pere è un antico alimento contadino, impiegato un tempo come dolcificante al posto del costoso, quasi proibitivo, zucchero. La sua produzione era molto complessa e lunga, ma il suo impiego era molto vario e conferiva alle pietanze un sapore unico. Dapprima le pere denocciolate o intere venivano essiccate, ottenendo così la cosiddetta Kloaz, che poi veniva macinata e trasformata in farina. I numerosi pereti di Verdines erano considerati la fonte migliore per ottenere la farina, tanto che un tempo questa località veniva chiamata ironicamente Birmehldorf, “paese della farina di pere”.

In foto: canederli alle prugne in capotto di Birmehl.  

 

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *