Giustizia Ultime Notizie

Bolzano. Cassazione conferma condanne jihadisti arrestati a Merano nel 2015

14 Maggio 2018

author:

Bolzano. Cassazione conferma condanne jihadisti arrestati a Merano nel 2015

La Cassazione ha confermato le pene a carico di quattro jihadisti, arrestati nell’autunno del 2015 durante una retata a Merano. I quattro furono condannati in primo grado a Trento a pene fra i quattro ed i sei anni.
Tra gli imputati Abdul Rahman Nauroz, che abitava a Merano ed è ritenuto il presunto reclutatore dell’organizzazione, condannato a Trento a sei anni di reclusione. Eldin Hodza (unico kosovaro del gruppo, pure residente a Merano) e i curdi Abdula Salih Ali Alisa, alias ‘Mamosta Kawa’, e Hasan Saman Jalal, alias ‘Bawki Sima’, sono stati condannati rispettivamente a quattro anni di reclusione.
Gli imputati attualmente sono rinchiusi nei carceri di massima sicurezza di Rossano Calabro e Nuoro.
Nella maxi-indagine condotta dai Carabinieri del Ros di Trento che avevano intercettato conversazioni in chat e via skipe, erano emersi contenuti di un’organizzazione terroristica “sostanziata da un’ideologia islamista che legittima – scriveva il gip di Trento Forlenza nell’ordinanza di 94 pagine –anche azioni di martirio quale strumento per combattere i Paesi occidentali.” Il capo della cellula meranese Abdul Rahman Nauroz, irakeno che aveva preso casa a Merano, inneggiava al sacrificio “con l’obiettivo finale del rovesciamento dell’attuale governo del Kurdistan iracheno per sostituirlo con uno Stato teocratico – così nell’ordinanza –fondato sull’applicazione della sharia islamica.”

In foto, Palazzo di giustizia di Trento

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *