Politica Ultime Notizie

Acconto Inail, Cna-Shv chiede di cambiare la procedura

9 Febbraio 2016

author:

Acconto Inail, Cna-Shv chiede di cambiare la procedura

Corrarati: somme da versare in base agli addetti del 2015, che a volte non ci sono più

“Tra imposte e acconti, alla fine i conti nelle nostre aziende non tornano e così le assunzioni non si attivano”. È l’amaro commento del presidente della Cna del Trentino Alto Adige, Claudio Corrarati, che ha approfondito il caso di un’azienda associata.

Quest’ultima, che si è rivolta a Cna per una verifica fiscale, è tenuta a pagare, entro il 16 febbraio, il saldo Inail del 2015 e l’acconto per i dipendenti relativo al 2016, basato sul numero di lavoratori che aveva in servizio lo scorso anno. Peccato, però, che quest’anno l’azienda non abbia al momento alcun dipendente. “Cosa dovrebbe fare – chiede il presidente Corrarati – il titolare di questa micro impresa? Pagare l’acconto sulla base di dipendenti che non ha più oppure chiedere la riduzione dell’importo dichiarando che non ha collaboratori e non ne avrà per tutto l’anno? E se a metà anno ottenesse una commessa che richiede l’assunzione di uno o più dipendenti, potrebbe regolarizzare il tutto con una semplice comunicazione o partirebbe un iter di verifica che comporta anche sanzioni?”.

Corrarati  non ha dubbi: “Questo sistema danneggia le piccole aziende che nel 2015 avevano manodopera, non più confermata per la crisi, per la quale oggi devono pagare l’acconto  per il 2016, senza però avere realmente dipendenti. Per non pagare, gli imprenditori devono dichiarare che nel 2016 non avranno addetti. E se poi avessero la necessità di assumere, probabilmente non lo farebbero, temendo di incappare in sanzioni e complicazioni burocratiche. Così si rischia di frenare la crescita occupazionale. Un sistema da cambiare. Non è possibile proiettare il Paese nel futuro puntando sul prelievo fiscale anticipato per il lavoro. Oggi le aziende non sanno cosa faranno domani, figuriamoci se possono dichiarare e pagare sulle ipotesi di quel che realizzeranno dopodomani”.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *