Cultura & Società Ultime Notizie

Torna Musical Dialogues al Centro per la Cultura di Merano

1 Aprile 2024

author:

Torna Musical Dialogues al Centro per la Cultura di Merano

Alberto Novello

La cooperativa culturale Mairania 857 ha organizzato per questa primavera la dodicesima edizione di Musical Dialogues. “Fisica versus fisicità” è il titolo che fa da cappello alle tre serate curate dal musicologo sloveno Tadej Stolič, che si terranno il 5, il 20 aprile e il 17 maggio al Centro per la Cultura di Merano con inizio alle 20.30 e a entrata libera (posti limitati, si consiglia la prenotazione: 0473 230128 – info@mairania857.org).

“Fisica versus fisicità” – a cura di Tadej Stolič

“La natura della musica è un dialogo a più livelli, che va dalle vibrazioni sonore che si susseguono nel tempo e nello spazio, al dialogo tra l’idea astratta di un compositore e l’opera finale riprodotta in diverse interpretazioni. Nonostante il mutare delle espressioni musicali è interessante notare una costante: lo sfruttamento delle medesime leggi dell’acustica e psicoacustica.

Dallo strumento musicale per eccellenza, la voce, si è passati attraverso i secoli, a un progressivo nascere di migliaia di strumenti acustici, fino al primo stravolgimento elettrico/elettronico e alla contemporanea rivoluzione digitale/virtuale. Il programma della rassegna cerca di offrire un possibile percorso d’indagine tra diversi aspetti che determinano la creazione musicale: dal rapporto fra la voce umana e timbri di strumenti contemporanei (Massimo Silverio), all’utilizzo di uno degli strumenti musicali più singolari, il theremin – primo nella storia a produrre suoni senza un qualsiasi contatto su superficie vibrante (OoopopoiooO), fino a nuove forme poetiche audiovisive, che mettono in dialogo le onde sonore e un’emissione stimolata di onda elettromagnetica, comunemente conosciuta come laser, per creare nuove possibilità di produzione e fruizione (Alberto Novello a.k.a. JesterN).

Musica come volontà artistica in dialogo con personali voci e gesti corporei, attraverso strumenti in continua evoluzione e con l’artista sensibile a contesti e pubblici sempre nuovi. Insomma, un libero gioco di ascolto del contrappunto tra leggi fisiche e limiti fisici”.

Venerdì 05.04.2024 – OoopopoiooO

Il Duo OoopopoiooO riscrive cent’anni di elettromagnetismo, a un secolo dalla nascita del theremin. Valeria Sturba e Vincenzo Vasi sfoderano le antenne dei loro evanescenti strumenti per creare una miscela pop in cui convivono in armonia combinazioni stilistiche distanti tra loro, dove il surreale e il dadaismo si uniscono in un idioma musicale OoopopoiooO.

Valeria Sturba: voce, theremin, violino, elettronica, giocattoli

Vincenzo Vasi: voce, theremin, basso, elettronica, giocattoli

Sabato 20.05.2024 – Massimo Silverio

La creazione musicale di Massimo Silverio è un sensibile risuonare con il suo paesaggio, la Carnia. Scrive e canta nella sua lingua nativa, il “cjarniel”, attraverso la quale forma il suo personalissimo mondo sonoro fatto di poesia e melodie che si mescolano tra antico e contemporaneo, popolare e colto, acustico ed elettronico. Il tutto si materializza nella sorprendente prima discografica “Hrudja”, considerato uno dei migliori dischi italiani del 2023

Massimo Silverio: voce, chitarra, violoncello

Nicholas Remondino: batteria

Manuel Volpe: (sub)bassi e sempler

Matteo Rizzo: tecnico del suono

Venerdì 17.05.2024 – Alberto Novello a.k.a. JesterN

Alberto Novello, oltre ad aver conseguito il dottorato in fisica nucleare, è un artista multimediale presente con le sue performance nei maggiori festival internazionali di musica contemporanea. Nel suo ultimo spettacolo audiovisivo per laser e suoni BLACKLIGHT X, i proiettori a laser multiplo dipingono su una superficie ricoperta di vernice fotosensibile. In contrasto con i movimenti laser frenetici, emergono lentamente strutture che ricordano città, foreste, architetture aliene e mondi astratti in evoluzione ispirati al lavoro dell’artista M. C. Escher.

Alberto Novello: live electronics e laser

Foto, Massimo Silverio – III – @ Riccardo Carpanese