Cultura & Società Ultime Notizie

Museo Kreuzer, assegnati i lavori di ristrutturazione

20 Febbraio 2024

author:

Museo Kreuzer, assegnati i lavori di ristrutturazione

L’impresa di costruzioni Nerobutto Srl, con sede a Trento, ha ricevuto dalla Provincia l’incarico di ristrutturare un edificio dei Portici di Bolzano per 2,3 milioni di euro. Si tratta del luogo in cui verrà ospitato il museo con la collezione Kreuzer. La decisione è stata presa venerdì scorso dall’Ufficio Affari amministrativi della Ripartizione edilizia e servizio tecnico. L’azienda si è assicurata l’appalto con un ribasso del 3,6% nell’ambito di una procedura negoziata a cui sono state invitate undici imprese edili, due delle quali hanno presentato un’offerta.
Come è noto, nel 2017 il giudice e imprenditore Josef Kreuzer ha lasciato in eredità alla Provincia una vasta collezione d’arte con la condizione di istituire e gestire un museo per almeno 30 anni. La collezione Kreuzer comprende 1504 opere di 342 artisti dell’Alto Adige, del Tirolo e del Trentino, tra cui Max Weiler, Albin Egger Lienz, Fortunato Depero, Ester Stocker, Karl Plattner, Hans Ebensperger e Feter Fellin. La Provincia ha accettato l’eredità e ha aperto il museo al pubblico nel 2018, dopo i lavori di restauro.
La Giunta provinciale aveva già approvato un primo programma planimetrico per una conversione straordinaria dell’immobile nel 2018. Tuttavia, le indagini della Ripartizione edilizia e servizio tecnico e della Soprintendenza provinciale ai beni culturali hanno rivelato che, oltre all’ammodernamento degli impianti tecnici, l’edificio necessitava anche di interventi di restauro, tra cui il tetto, le finestre, le porte, i pavimenti, il soffitto e alcune pareti. Per tale motivo, nel 2022 è stato necessario modificare il programma e aumentare i costi. Sulla base della pianificazione di attuazione del 2023, i lavori di costruzione sono stati oggetto di una gara d’appalto, che è stata aggiudicata appunto lo scorso 16 febbraio. Il completamento dei lavori e l’apertura del museo sono previsti per il 2026.

Foto/c-ASP/Azienda Musei provinciali