Cultura & Società Ultime Notizie

Smaltimento indumenti usati, meglio acquistare vestiti buoni da non buttar via dopo due lavaggi

15 Novembre 2022

author:

Smaltimento indumenti usati, meglio acquistare vestiti buoni da non buttar via dopo due lavaggi

 

 

A Bressanone, ogni anno vengono raccolti circa 229.000 chilogrammi di indumenti nei contenitori gialli per gli abiti usati, mentre le entrate le entrate derivanti dal loro riciclo sono diminuite drasticamente. Nel 2018 i proventi a Bressanone erano 41.297 euro, la maggior parte dei quali destinati a progetti sociali locali, ma nel 2021 sono scesi a un misero importo di 223 euro.
Il motivo consiste nell’enorme quantità di indumenti che viene smaltita nei Paesi più sviluppati del nostro pianeta. Essa inonda i Paesi in via di sviluppo e solo una piccola parte è adatta al commercio di seconda mano, a causa dei prodotti a basso costo, per lo più mal lavorati. Gran parte di essa non è nemmeno adatta al riciclaggio come materiale isolante o come stracci per la pulizia.
 Per dare il via alla Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, tra i quali, appunto, si annoverano gli indumenti usati, sabato mattina 19 novembre, ASM Bressanone SpA insieme a REX – materiali e cose, OEW – Organizzazione per un mondo solidale e Repair Café sensibilizzeranno l’opinione pubblica sull’uso attento degli indumenti con una campagna congiunta in via Bastioni Maggiori.. L’iniziativa congiunta spiegherà perché gli indumenti usati non sono più un’eventuale soluzione, ma creano seri problemi. Gli interessati potranno conoscere le problematiche dell’industria tessile mondiale grazie ad una mostra dell’OEW; il Repair Café e alcune sarte saranno presenti e dimostreranno quanto sia facile riparare i capi di abbigliamento; ASM Bressanone SpA fornirà informazioni su fatti e cifre della raccolta di indumenti usati a Bressanone. Il messaggio che si intende trasmettere è chiaro: come per tutti i rifiuti, meno se ne produce, meglio è. La riduzione dei rifiuti si ottiene attraverso un comportamento di acquisti consapevole che privilegia i prodotti di qualità rispetto alla moda fast fashion. Vale la pena riparare i vestiti, cucirli, abbellirli con un po’ di creatività. Chi desidera separarsi dai propri pezzi migliori, non li getta nel contenitore di raccolta degli indumenti, ma li passa a terze persone. A Bressanone ci sono diverse possibilità e soluzioni reali, come “Pumuckl” dell’Elki in via Fienili, “Fundus” dell’associazione Comedicus in via Roncato oppure il “Kleiderkammer” della Comunità di San Vincenzo in via Fallmerayer, dove gli abiti in buone condizioni raggiungono effettivamente chi ne ha bisogno.