Cultura & Società Ultime Notizie

A partire dal 2023 il dormizil sarà ristrutturato

10 Novembre 2022

author:

A partire dal 2023 il dormizil sarà ristrutturato

Ogni persona ha diritto ad un alloggio. Ma non tutti hanno una casa. Nove persone private, con il supporto di quasi 100 volontari, in Via Renon 25 a Bolzano forniscono un letto caldo nel freddo inverno a 25 senzatetto di Bolzano. Dopo la fine della seconda stagione invernale del dormizil la casa verrà ristrutturata. Nove persone senzatetto da lungo tempo riceveranno un piccolo appartamento secondo il concetto di “Housing First”. Nel sottotetto del futuro dormizil, fino a cinque persone troveranno anche un posto temporaneo per dormire in una sistemazione di emergenza. Al piano terra, le persone senza un tetto sopra la testa potranno fare la doccia e il bucato. L’architetta Birgit Dejaco e l’architetto Markus Lunz hanno presentato oggi il progetto. Lavoreranno con il patrimonio edilizio esistente. Su sei piani più un seminterrato, saranno costruiti 900 m². I costi di costruzione stimati ammontano a circa 1,3 milioni di euro. I membri dell’associazione “housing first bozen ODV” hanno preparato diversi pacchetti di donazioni: un mattone posato di dormizil costa 30 euro, un m² costruito di dormizil costerà 1.500 euro, uno dei nove arredi di un appartamento costerà 12.000 euro e un appartamento 95.000 euro. Si cercano ora donatori e benefattori.
Gli affitti sono sempre più cari. Non ci sono abbastanza alloggi sociali disponibili. Il numero di persone senza un tetto sopra la testa è in aumento. I membri dell’associazione “housing first bozen ODV” lo sperimentano nel loro lavoro quotidiano al dormitorio. Fino a metà aprile 2023, 25 persone provenienti da 13 Paesi di origine ricevono un letto caldo durante il freddo inverno. Ma altre 100 persone devono rimanere fuori. Notte dopo notte, le persone bussano alla porta del dormitorio di fronte alla stazione degli autobus di Bolzano perché cercano urgentemente un posto per dormire. Le richieste di nuove ammissioni arrivano costantemente da istituzioni pubbliche e private. Ma ci sono già più di 40 persone in lista d’attesa per il dormitorio invernale.
Poiché alcune persone non riescono a cambiare radicalmente la loro situazione abitativa e rimangono quindi senza casa, il concetto di Housing First adotta un nuovo approccio. Il membro del consiglio di amministrazione Paul Tschigg spiega la differenza rispetto al lavoro convenzionale con i senzatetto: “Nel concetto di Housing First, i senzatetto non devono dimostrare di poter vivere da soli. Inizialmente, hanno un appartamento di proprietà dove possono soggiornare a lungo termine. Il contratto è incondizionato. “Una volta trasferite nell’appartamento, le persone possono affrontare i loro problemi, come la dipendenza o malattie psichiche, uno per uno”. Sono accompagnati dalle istituzioni responsabili, dai servizi sociali, ma anche da volontari. A nove senzatetto verrà assegnato un piccolo appartamento nel dormitorio convertito. Verranno accolte persone che vivono in strada da molto tempo, che non hanno una residenza, che sono cittadini italiani o hanno un permesso di soggiorno di lunga durata in Italia. Potranno abitare persone che non hanno diritto ad un alloggio sociale o ad un sostegno perché non entrano nei criteri della pubblica amministrazione e non hanno modo di ottenere i loro diritti fondamentali. A seconda del loro reddito, devono pagare un contributo alle spese. Non possono essere ammesse persone con gravi malattie mentali, psichiatriche o fisiche o con necessità di assistenza.
Nell’appartamento di transizione all’ultimo piano possono dormire fino a cinque persone in letti di emergenza. Inoltre, i senzatetto della città possono usufruire di docce e lavatoi nel seminterrato del nuovo dormitorio. Per aprire la casa alla popolazione, al piano terra ci sarà una sala eventi che potrà essere utilizzata per vari eventi, oltre a un ufficio per il lavoro sociale. Il giardino sarà accessibile a tutti.
L’architetta Birgit Dejaco di Bressanone accompagnerà la ristrutturazione insieme all’architetto Markus Lunz di Bolzano. Alla conferenza stampa di oggi ha spiegato che in questa casa si mostra molto rispetto e apprezzamento per le persone che non sono apprezzate dalla società. “Vedo l’architettura come un altro mezzo per esprimere questo apprezzamento verso ospiti. Architettura di qualità anche e soprattutto per i più poveri!” è il credo di Birgit Dejaco. Questa sarà la cosa più preziosa che gli architetti possono dare.
Il dormizil si trova nel centro della città. La presidente dell’associazione Magdalena Amonn ha sottolineato che, se da un lato gli edifici hanno il diritto di utilizzare la città e le sue infrastrutture, dall’altro hanno anche il dovere di restituire qualcosa: “Il dormizil vuole entrare in contatto con la gente della strada. Ad esempio, è previsto un passaggio parziale sul giardino. In questo modo il dormizil diventa un oggetto interessante nella strada e ravviva lo spazio stradale. Le finestre del piano terra saranno progettate in modo da diventare posti a sedere all’interno e all’esterno, ha spiegato Birgit Dejaco. Questo è il modo in cui il dormizil deve intrecciarsi con la città. L’architetto Markus Lunz ha calcolato i costi. La ristrutturazione costerà circa 1,3 milioni di euro: “La casa, che ha diversi anni sulle spalle, richiede lavori di manutenzione straordinaria e di ristrutturazione. Nel corso di questi lavori, si procederà anche a mettere a norma l’edificio dal punto di vista energetico e dell’accessibilità per le persone con disabilità. La superficie lorda dell’intervento è di poco inferiore ai 900 m².
Il compito è ora quello di trovare i mezzi finanziari necessari. I membri dell’associazione chiedono sostegno e fanno appello alla popolazione: “La società può esistere solo se ognuno contribuisce con qualcosa”, sottolineano. In Alto Adige, molte migliaia di persone si assumono responsabilità e apportano un cambiamento positivo alla società. L’impegno volontario è un dono alla società. L’associazione “housing first bozen ODV” invita ora aziende e privati a sostenere la ristrutturazione del dormizil con materiali, manodopera, idee e donazioni. I membri dell’associazione presenteranno volentieri il progetto nelle scuole, nelle parrocchie e ad altri eventi. “Aiutate a costruire il nuovo dormizil”, chiedono i membri dell’associazione. “Mostriamo la nostra solidarietà e uniamo le forze per aiutare i più deboli della società!”. Ciò è più che mai necessario in questo periodo di crisi.
Un mattone posato dormizil costa 30 euro, un m² costruito costa 1.500 euro, 1 di 5 letti di emergenza costa 25.000 euro, 1 di 9 appartamenti costa 95.000 euro, 1 di 9 arredi costa 12.000 euro, il bagno con doccia costa 20.000 euro, la lavanderia 20.000 euro, la sala eventi 70.000 euro, l’ufficio di assistenza sociale 40.000 euro, l’ascensore 45.000 euro e il cortile interno, compreso il parcheggio delle biciclette e il sistema di smaltimento dei rifiuti 20.000 euro. Ogni donazione è benvenuta, indipendentemente dall’importo.

Foto, Markus Lunz e Birgit Dejaco presentano le cifre