Cultura & Società Ultime Notizie

Consulenza psicosociale, 40 anni al servizio di persone con problemi di dipendenza in Val Venosta

16 Ottobre 2022

author:

Consulenza psicosociale, 40 anni al servizio di persone con problemi di dipendenza in Val Venosta

Il servizio di Consulenza Psicosociale della Caritas è diventato una certezza nella rete sociale della Val Venosta. Da ormai 40 anni, offre sostegno e consulenze professionali a persone con problemi di dipendenza e ai loro famigliari, in casi di dipendenze da alcol, farmaci e gioco d’azzardo, al manifestarsi di depressione, ansie e altri disturbi psichici, contando circa 300 prese in carico annuali. La Consulenza psicosociale, che è gestita dalla Caritas in convenzione con la Provincia Autonoma di Bolzano e l’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige, ha celebrato i suoi 40 anni di esistenza presso la Casa della cultura di Silandro, dove Martin Fronthaler, dirigente e psicoterapeuta del Centro Terapeutico Bad Bachgart, ha tenuto una conferenza sul tema “Lösungsmittel Alkohol – L’alcol come soluzione”.

“Vorremmo agganciare persone con dipendenze e problemi psicologici, per offrire loro prospettive nuove e rassicurarli, fornendo strumenti per affrontare sfide personali e liberarsi dai fardelli emotivi, mettendo in atto i cambiamenti necessari. Questo è il nostro compito più importante da 40 anni, e ci impone costantemente di adattarci alle circostanze e ai bisogni che cambiano”, ha spiegato Christiane Folie, responsabile del servizio di Consulenza psicosociale durante la serata dell’anniversario.

Proposte di consulenza e assistenza aggiornate costantemente

“All’inizio la gente era molto diffidente. Ci recavamo a casa delle persone o in ospedale per riuscire a raggiungerle e a fare le prime consulenze”, ha raccontato Christian Folie, cofondatrice e responsabile del servizio per molti anni, ricordando gli inizi. All’epoca fu l’assistente sociale tedesca Anne Wigand, a credere nel progetto per offrire un servizio di consulenza in considerazione dei problemi di alcolismo presenti massicciamente nella valle. Il servizio è stato poi istituito dalla Caritas con il sostegno della Provincia Autonoma di Bolzano. Gradualmente il lavoro di prossimità, presso il domicilio delle persone, è stato sostituito dalla consulenza vera e propria, svolta in sedi più appropriate per il servizio, nei locali della parrocchia di Silandro, e in seguito anche nelle sedi di Naturno e Malles.

Oggi il team di consulenza composto da psicologi – in parte anche con una formazione psicoterapeutica – offre supporto in caso di consumo pericoloso di alcol e altre sostanze legali, dipendenza da gioco d’azzardo e online, utilizzo rischioso di smartphone e altre dipendenze comportamentali. I consulenti sostengono anche coloro che attraversano crisi di vita, burnout, depressione, ansia e altre forme di stress psicologico e li aiutano a sviluppare nuove prospettive e strategie di soluzione in modo da poter condurre nuovamente una vita soddisfacente e stabile. A questo scopo, le terapie di gruppo e i gruppi di mutuo-aiuto, svolgono un ruolo particolarmente importante.

Ogni anno, si rivolgono alla Consulenza psicosociale 300 donne e uomini. Solamente nel 2021, il team ha tenuto 1.300 sessioni di consulenza e terapia. “Spesso sono i parenti a contattarci per primi, a volte anche alcuni datori di lavoro preoccupati. Offriamo loro colloqui e informazioni, per aiutarli a non farsi sopraffare dalla situazione difficile e imparare a gestirla in autonomia”, ha spiegato ancora Christiane Folie. Spesso, i contatti diretti con le persone interessate dalle dipendenze, avvengono in un secondo momento.

Il servizio di consulenza della Caritas dà molta importanza al lavoro di rete con i servizi socio-sanitari nella Val Venosta. “Grazie a questa collaborazione riusciamo a chiudere il cerchio, generando intorno alle sessioni di consulenza, gruppi di aiuto che riescono a sostenere le persone nelle diverse problematiche”, ha spiegato Christiane Folie. Fanno parte di questa rete di aiuto il servizio psichiatrico, l’ospedale e i medici di base, nonché l’ufficio di collocamento, il servizio di riabilitazione lavorativa e gli assistenti sociali, ma anche altri servizi della Caritas come la Consulenza debitori.

“Per alcune persone è difficile affrontare i cambiamenti, e le cause vanno al di là della pandemia. Ansie, sopraffazione e altre crisi personali sono in aumento, e con esse anche i comportamenti che sembrano dare sollievo, ma che spesso possono provocano una dipendenza. Quindi è molto importante che le persone trovino l’aiuto appropriato alla loro situazione individuale”, ha dichiarato il responsabile d’area Guido Osthoff, ringraziando il team di consulenza e i numerosi partner di rete della Val Venosta.

Anche Dieter Pinggera, sindaco di Silandro e presidente della Comunità Comprensoriale della Val Venosta, ha espresso i suoi ringraziamenti: “La Consulenza psicosociale della Caritas è un partner molto affidabile. Grazie alla professionalità dei consulenti, molte persone hanno trovato aiuto in situazioni difficili, e il serizio è diventata una componente irrinunciabile, un vero e proprio pilastro nella rete sociale della Val Venosta”.

Al centro dell’attività della Consulenza psicosociale in Val Venosta continuano ad esserci consulenza e sostegno rivolti a persone con problemi di alcolismo. “Le dipendenze, in particolare la dipendenza dall’alcol, possono essere solo arginate, non guarite”, ha sottolineato Christiane Folie. Contrastare in tempo comportamento a rischio, può prevenire situazioni di sofferenza, sia alle persone che cadono in questi comportamenti, che alle loro famiglie. Per questo motivo il team di consulenza è impegnato da molti anni nella prevenzione delle dipendenze, insieme a scuole e associazioni. Proprio per questo motivo anche Martin Fronthaler, dirigente del Centro terapeutico di Bad Bachgart, è stato invitato alla serata dell’anniversario quale referente con il tema “Lösungsmittel Alkohol – L’alcol come soluzione”. “L’alcol nella nostra società ha molte funzioni e spesso e volentieri è usato come rimedio domestico per molti disturbi e problemi. Gli vengono attribuiti svariati effetti, dal soccorso in situazioni di emergenza alla ricompensa e oltre. A volte, però, questa presunta soluzione porta a un nuovo problema”, ha spiegato Fronthaler.

Chiunque desideri usufruire dei servizi offerti dal centro di Consulenza psicosociale della Val Venosta o ottenere informazioni più dettagliate, può contattare direttamente il servizio. Le sedute di consulenza si svolgono presso la sede del servizio in via Principale 131 a Silandro, e presso la sede del Centro sociale Distretto Malles e Naturno, dopo aver concordato un appuntamento tramite il numero di telefono 0473 621 237, oppure l’indirizzo psb@caritas.bz.it. Viene garantita una consulenza discreta e gratuita.

Foto, da sinistra Martin Fronthaler, Christiane Folie, Guido Osthoff, Christian Folie e il Sindaco