Politica Ultime Notizie

Bolzano. Desiderosa di riforme l’entusiasta Stefania Gander corre alle prossime elezioni

22 Luglio 2020

Bolzano. Desiderosa di riforme l’entusiasta Stefania Gander corre alle prossime elezioni

Stefania Gander è coordinatrice provinciale di Italia Viva, partito che con una lista elettorale parteciperà alle amministrative comunali 2020 in coalizione con le forze politiche a sostegno del Sindaco uscente. Italia Viva si definisce “riformista”, un aggettivo che Stefania Gander sottolinea con molto entusiasmo e determinazione. Gander correrà sicuramente alle imminenti comunali di Bolzano, anche se ancora non si conoscono tutti i candidati della lista che verrà presentata presumibilmente entro la fine del mese di luglio o al massimo i primi di agosto. Ci siamo incontrati con i colleghi della coalizione e abbiamo trovato molte sensibilità comuni e compreso come valorizzare le differenze che intercorrono tra noi – dice Gander nel nostro colloquio al Laurin, l’elegante salotto dei bolzanini.
Gander è una persona previdente, guarda lontano. Tanto che si preoccupa per i commercianti che forse potrebbero trovarsi in difficoltà nel prossimo novembre in occasione del famigerato mercatino natalizio. Mi metto nei loro panni, devono acquistare le merci molto prima dell’apertura del mercatino di Natale. Ma se poi dovesse accadere che a causa del Covid non fosse possibile tenere la manifestazione commerciale, cosa farebbero delle merci acquistate?
Stefania pensa anche alle Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA) e ai relativi protocolli, nonché ai sostegni che dovranno essere ripensati. Naturalmente il progetto dell’areale ferroviario va portato avanti, come le altre infrastrutture necessarie. Sono per il potenziamento tecnologico 5G, lo sviluppo dello smart-working e soprattutto penso ad una città in cui un giovane possa realizzarsi anche nei quartieri periferici senza dover trasferirsi in altre realtà urbane.
Sulla sicurezza Gander precisa che il centrosinistra non avrebbe dovuto permettere che la destra si impossessasse della tematica. A prescindere dagli episodi di microcriminalità, Bolzano è una città sicura. Non dobbiamo tuttavia sottovalutare la percezione di insicurezza di molti cittadini. Bisogna dare certezze! Come deterrente potrebbero essere preziosi i vigili di quartiere e le già numerose telecamere, nonché un incremento degli assistenti sociali sul campo. Non vorrei vedere una città militarizzata con una intensificazione della presenza delle Forze armate nei punti nevralgici di Bolzano.
Circa la cultura Stefania Gander auspica uno sviluppo della comunicazione sulle ricchezze artistico- culturali nel capoluogo sudtirolese facendo rete tra le istituzioni e con altre città provinciali. Inoltre, Gander punta sulle potenzialità delle culture presenti e le relative caratteristiche da veicolare. Dovremmo arrivare ad avere le fila davanti al Museion come ora al Museo Archeologico che ospita l’Ötzi.

Giornalista pubblicista, scrittore.
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *