Cronaca Economia Ultime Notizie

Mobilità a Bolzano, autobus con motore rispettoso dell’ambiente, suggerisce l’Unione Commercio

29 Novembre 2019

author:

Mobilità a Bolzano, autobus con motore rispettoso dell’ambiente, suggerisce l’Unione Commercio

Poco coinvolta la popolazione cittadina, il timore di nuovi grandi cantieri in città e costi enormi per la collettività, queste secondo l’Unione Commercio e Turismo e Servizi Alto Adige per la città di Bolzano le ragioni del risultato del referendum sul TRAM. “Un progetto di mobilità di questa portata avrebbe dovuto prevedere un maggiore coinvolgimento della popolazione cittadina –afferma il direttivo comunale dell’Unione nella sua ultima riunione. “Tutto l’intervento, in fondo – sintetizza il fiduciario comunale dell’Unione Simone Buratti – ha trovato fin da subito ha trovato un’ accoglienza fredda perché la popolazione e i molti oppositori hanno visto con timore soprattutto la necessità di nuovi grandi cantieri”

Al posto di un progetto così divisivo come il tram, l’Unione ha sempre sostenuto e suggerito all’amministrazione comunale altre forme di mobilità flessibile. Ad esempio l’impiego di autobus a motore ecologico, elettrico o a idrogeno

Oltre a ciò, l’Unione critica l’aver privilegiato “solo la fluidità del traffico lungo l’asse Est/Ovest, come previsto dalle linee tramviarie, senza tener conto anche della raggiungibilità di altre parti della città come Gries, la zona produttiva di Bolzano Sud o anche i Comuni limitrofi”.

Dopo il no al tram, l’Unione ha ripresentato al Comune la proposta cioè lasciare viale Stazione aperta al traffico, perché questa modalità potrebbe fungere da eventuale uscita di emergenza per il futuro garage interrato del Waltherpark. L’Unione è infatti dell’opinione che non sono previste abbastanza uscite per il nuovo garage interrato.

 

In foto,  Simone Buratti, fiduciario comunale dell’Unione di Bolzano

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *