Cronaca Politica

Mattarella e Van der Bellen a Castel Tirolo il 23 novembre, e dopo, forse al memoriale del Lager bolzanino

11 Novembre 2019

Mattarella e Van der Bellen a Castel Tirolo il 23 novembre, e dopo, forse al memoriale del Lager bolzanino

“Sarebbe una forte affermazione per la democrazia la visita al memoriale del Lager di Bolzano dei presidenti Sergio Mattarella e Alexander Van der Bellen”, ha detto il sindaco Renzo Caramaschi che ha confermato i lavori di preparazione in atto tra il comune di Bolzano e lo staff addetto al cerimoniale del Quirinale per l’auspicata visita dei due Presidenti a Bolzano in occasione della loro presenza a Castel Tirolo il prossimo 23 novembre. A Castel Tirolo si svolgerà una cerimonia per ricordare il primo step della elaborazione del Secondo Statuto di Autonomia del Trentino Alto Adige, avvenuto esattamente la notte del 23 novembre 1969, quando, a Merano, l’assemblea della Südtiroler Volkspartei approvò il cosiddetto «Pacchetto». Mi piace ricordare quanto ricorda il senatore Friedl Volger, presente in quella assemblea, nel suo libro di memorie da noi pubblicato, “Sudtirolo al bivio” (Edizioni Praxis 1985). “Un’assemblea tesa allo spasimo –ricorda  Volgger- regnava il 23 novembre 1969 alle due di notte nel grande Kursaal di Merano. Per 14 ore i delegati avevano combattuto pro e contro per l’accettazione del risultato delle trattative per la nuova autonomia, cioè delle misure da attuare nel «Pacchetto». Il dibattito era concluso, lo spoglio dei voti era in corso e si sarebbe concluso presto. Ed ecco comparire, con un foglietto in mano, il segretario amministrativo. Diede il foglietto all’Obmann, Silvius Magnago. Il silenzio si fece glaciale. Con 583 voti a favore, 492 contrari, 15 schede bianche e 14 nulle l’assemblea l’assemblea generale della SVP aveva approvato il «Pacchetto e il calendario operativo» per la sua attuazione”. Fin qui la testimonianza del senatore sudtirolese Volgger. Come si può constatare una maggioranza risicata, con l’assemblea spaccata a metà, tra coloro disposti ad una forma di pacifica convivenza e coloro che invece volevano il ritorno all’Austria.
Va ricordato che il Primo Statuto di autonomia era più propriamente la legge costituzionale emanata dal Parlamento italiano nel 1948 dopo l’Accordo di Parigi, firmato nella capitale francese da Alcide Degasperi e da Alfons Gruber il 10 febbraio 1947, e che il Pacchetto approvato a Merano il 23 novembre fu approvato dieci giorni dopo, tra il 4 e il 5 dicembre 1969, dal Parlamento italiano, quindi poi il 16 dicembre anche da quello austriaco.
Reduci dalla commemorazione del cinquantennale della prima decisione per il Secondo Statuto di Autonomia, i due presidenti forse si fermeranno a Bolzano per ricordare la tragedia del Lager di Bolzano, il campo di concentramento nazista attivo dall’estate del 1944 fino alla fine della guerra. La recente installazione luminosa sul muro del Lager ricorda i nomi finora noti dei circa 9.500 internati in questo campo di transito.
Nel corso di questa settimana sono previsti i lavori della complessa macchina organizzativa della visita dei due presidenti, che Sindaco del capoluogo e Presidente della Provincia Kompatscher sperano non trovi intoppi di alcun genere. (Pinuccia Di Gesaro)

In foto, Sergio Mattarella e Alexander Van Der Bellen

 

Giornalista, scrittrice, editore.
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *