Cronaca Ultime Notizie

Laboratorio sul futuro dell’Alto Adige 2019, in primo piano la nuova legge urbanistica

15 Luglio 2019

author:

Laboratorio sul futuro dell’Alto Adige 2019, in primo piano la nuova legge urbanistica

La serie di incontri del “Laboratorio sul futuro dell’Alto Adige” della Camera di commercio di Bolzano ha l’obiettivo di riconoscere e discutere a proposito delle sfide per il futuro dell’Alto Adige. Mercoledì, 10 luglio 2019 presso la carpenteria/falegnameria Aster a San Genesio si è tenuto l’incontro conclusivo della serie di eventi in cui si è parlato degli obiettivi della riforma urbanistica.

La nuova legge provinciale Territorio e Paesaggio entrerà in vigore il 1° gennaio 2020 e sostituirà le normative esistenti riguardanti l’urbanistica e la tutela del paesaggio. Lo scopo della riforma è assicurare uno sviluppo sostenibile e contenere la dispersione edilizia e l’utilizzo del suolo. Frank Weber, il Direttore del dipartimento Sviluppo del territorio, Paesaggio e Beni culturali della Provincia autonoma di Bolzano, afferma che al momento si sta lavorando ai regolamenti di attuazione della normativa.

In sette comuni pilota (Cortaccia, Chiusa, Corvara, Racines, Nova Levante, Lana e Tubre in Val Monastero) viene attualmente elaborato un cosiddetto programma di sviluppo comunale, che sarà in futuro uno strumento di pianificazione strategico del comune. Il progetto di realizzazione è oneroso, i comuni elaboreranno una proposta con il contributo dei cittadini e delle associazioni, basata su numerose analisi, per esempio sullo sviluppo demografico, i concetti di mobilità e turismo e la delimitazione delle aree insediabili. Questo progetto verrà esaminato dalla Commissione provinciale Territorio e Paesaggio e approvato dapprima dal consiglio comunale e poi dalla Giunta provinciale. Entro due anni dall’entrata in vigore della legge anche i restanti comuni dovranno presentare tale documento.

Per realizzare questo programma di sviluppo è necessario anche un censimento degli spazi ed edifici vuoti, spiega il Direttore della Piattaforma per il rurale Ulrich Höllrigl. In questo modo i comuni rileveranno gli spazi ed edifici vuoti già esistenti sul territorio comunale per poterli riutilizzare. Ciò rappresenta anche un’ulteriore possibilità di ridurre in futuro l’utilizzo del suolo e ripopolare i centri abitati.

Il Segretario generale della Camera di commercio Alfred Aberer sottolinea: “È importante per l’economia che la nuova normativa sull’urbanistica porti a una semplificazione della burocrazia e che il procedimento venga sviluppato nel tempo adeguato.”

La serie di manifestazioni di quest’anno viene realizzata in collaborazione con la Piattaforma per il rurale, un’alleanza altoatesina che si è posta l’obiettivo di promuovere con varie iniziative il territorio rurale rendendolo più vivo e attrattivo. Inoltre, si impegna a favore di un uso intelligente del suolo.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com