Cultura & Società Ultime Notizie

A Bolzano Danza l’assolo come forma privilegiata di dialogo con lo spettatore

15 Luglio 2019

Autore:

A Bolzano Danza l’assolo come forma privilegiata di dialogo con lo spettatore

Bolzano. Due strepitosi mattatori, Olivier Dubois e Claudia Marsicano, interpreti di due intensi assoli che coinvolgono gli spettatori, il primo a firma dello stesso Dubois, il secondo dell’italiana Silvia Gribaudi, coreografa dal piglio ironico e profondo. Ospiti a Bolzano Danza My body of coming forth by day di e con Olivier Dubois a Palazzo Mercantile il 16 luglio alle h.21 (Biglietto singolo €22, under 25 e corsisti € 8, under 35 € 16, over 65 € 20) e R.OSA _10 esercizi per nuovi virtuosismi di Silvia Gribaudi il 17.07 al Parco delle Semirurali, in collaborazione con la Stagione Estiva Don Bosco, alle h. 21 a ingresso gratuito.

Il recente assolo My body of coming forth by day di Olivier Dubois è un viaggio a braccetto con il pubblico nella memoria del performer. Circondato dagli spettatori, Dubois è al centro di un’arena pronto a far valutare il suo corpo e la sua arte. “Un corpo – ricorda l’artista all’inizio dello spettacolo – che parla della morte, della memoria, che porta con sé centinaia di gesti, sentimenti, posizioni e litri di sudore”. Un ‘corps-souvenir’ a cui necessita l’attribuzione di un valore (artistico). Tra un bicchiere di vino e l’altro, chiacchierando con gli astanti, Dubois si offre allo svelamento facendo pescare delle buste chiuse al pubblico contenenti titoli di spettacoli del suo repertorio, suoi ma anche creati da altri. Casualmente emergono i nomi di importanti autori con i quali ha collaborato – Jan Fabre a Angelin Preljocaj, Karine Saporta, Céline Dion, solo per citarne alcuni che potrebbero sortire dalle buste – in un gioco aleatorio gestito con grandissima maestria e con il coinvolgimento assoluto del pubblico. Il bello dello spettacolo, dal ritmo incalzante, è lo svelamento continuo. Una performance unica e ironica, da vedere.

Coreografa dal segno graffiante, Silvia Gribaudi sa colorare le sue composizioni con intelligente ironia. R.Osa_10 esercizi per nuovi virtuosismi è un assolo partecipativo nato sulla bravura della performer Claudia Marsicano, già diventato un cult delle ultime stagioni. Nel titolo, gli intenti: osare al femminile. Il brano si interroga infatti sul ruolo nella società contemporanea del corpo femminile e Claudia Marsicano, interprete su cui il pezzo è stato creato, con le sue forme abbondanti, svelate senza pudore, percorre un affascinante viaggio a braccetto con il pubblico sul tema della bellezza. Possibile superare i canoni estetici imposti con dirompente personalità? Certamente. In una scena priva di orpelli, il corpo di Marsicano diviene movimento coreografico, suono, parola, immagine e colore: una partitura del gesto apparentemente informale che esprime un disegno più ampio, ovvero la figura di una donna con i suoi dettagli, le sue forme, la sua bellezza. Performer che diviene opera, opera che diviene messaggio. Messaggio che arriva dritto al cuore.

Foto, OLivier Dubois My body of forth by day.  

 

 

 

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *