BGSpia Ultime Notizie

DA BOLZANO AL PICCOLO SCHERMO: IL PERCORSO DI MARICA ROTONDO, SU CANALE 5.

6 Giugno 2019

Autore:

DA BOLZANO AL PICCOLO SCHERMO: IL PERCORSO DI MARICA ROTONDO, SU CANALE 5.

Marica Rotondo, in arte Marika Voice è sicuramente un nome noto nell’ambito musicale altoatesino. Dopo un percorso ricco di successi musicali, la bolzanina Marica Rotondo è approdata nel tubo catodico in prima serata su canale 5 assieme alla bellissima Michelle Hunziker ed il simpaticissimo J-AX. Abbiamo deciso di intervistare Marica Rotondo per conoscere di più della sua vita passata, presente e futura.

Marica, raccontaci, come nasce la tua passione per la musica?

“Non so come sia nata la mia passione per la musica. Credo sia un dono per molti artisti, qualcosa di insito nella nostra natura, che nasce e cresce  con noi. Ricordo perfettamente la mia prima esibizione in pubblico, mi trovavo in un villaggio turistico in Sardegna avevo  cinque o forse sei anni ed una sera salii sul palco per cantare montagne verdi! Al rientro bastò una piccola spinta morale di mio padre, Aldo Rotondo, per cominciare un percorso che non si è mai fermato; ed è proprio a lui, mio padre, che devo tutto! Qualunque provino io abbia fatto nella vita , qualunque passo io abbia mosso nel mondo dello spettacolo,  l’ho fatto grazie a lui che di nascosto mi iscriveva ad ogni casting. Lui ha sempre creduto in me, spesso più di quanto riuscissi a crederci io stessa”.

Dove hai iniziato a cantare? 

“Ho iniziato a cantare con la maestra Lucia Targa nel Piccolo coro di Bolzano, ho proseguito le mie lezioni con Alessandra Amadii e contemporaneamente mi sono unita ad un paio di band, con alcuni musicisti coi quali trascorrevo divertenti serate di liscio,  country blues o piano bar. In età giovanissima arrivò anche la discoteca”.

Ti definiresti più una vocalist, una cantante oppure una presentatrice?

“Ho la fortuna di potermi definire una artista di grande versatilità. Amo il canto sopra ad ogni altra cosa, questo lo dice il mio cuore che non riesce a starne senza per lunghi periodi. Mi sento a mio agio davanti alle telecamere e sul palcoscenico,  sia nelle vesti di cantante, che di vocalist o presentatrice. Negli ultimi tempi ho avvertito una nuova necessità, quella di accostarmi alla recitazione, quindi non escludo che in futuro possano esserci delle belle novità! Sento di essere in continua evoluzione, un artista si nutre di emozioni ed io non posso fare a meno di esplorare continuamente nuovi mondi”.

Se dovessi scegliere, in quale città faresti il tuo primo concerto con 1 milione di spettatori? 

“Sarebbe meraviglioso, e se proprio dobbiamo lavorare di fantasia, credo che il primo concerto lo farei proprio nella mia Bolzano. Tra i miei sogni c’è anche quello di poter tenere un live tutto mio in Piazza Walther, magari di beneficenza: sarei felice di potermi esibire per i miei concittadini! Magari qualcuno dopo aver letto questo articolo accoglierà la mia richiesta e mi aiuterà a realizzare questo desiderio! Certo, dovremmo cambiare location perché un milione di persone in Piazza Walther proprio non ce le vedo” – risponde sorridendo Marica Rotondo.

In che rapporto sei coi social e con il web? 

“Mi incolpano spesso di vivere con il cellulare perennemente in mano, ed è tutto vero! Il web con tutti i suoi social network, è una vetrina fondamentale per me. I miei followers possono condividere con me la quotidianità ed anche i live e le dirette durante le serate. Ad esempio, durante le puntate di All Together Now, interagiamo costantemente e per me è un piacere immenso conoscere le loro opinioni, positive o negative che siano. Mi sento umanamente molto vicina ai miei followers anche se si tratta di una “famiglia interattiva”.

Come stai vivendo la nuova esperienza televisiva? 

All Together Now è un programma fresco, intriso di emozioni, divertente, vicino alle famiglie perché diverte i grandi, gli adolescenti ma anche i più piccoli. Il livello di bravura dei concorrenti in molti casi è altissimo, e vi lascio immaginare quanto sia stato difficile per me vestire i panni di una giurata; in realtà non mi sento tale, ho preferito lasciarmi trasportare dalle emozioni e premere il pulsante rosso per tutte le esibizioni che andavano dritto allo stomaco! È un onore immenso per me fare parte di questo muro umano di 100 giurati. Ho potuto ammirare da vicino la bravura e la grande umiltà di Michelle Hunziker dalla quale sento di avere molto da imparare, proprio perché versatile e molto spontanea. Ho apprezzato la simpatia di J-AX ed anche la sua sensibilità che spesso emerge durante le esibizioni canore dei concorrenti. In ultimo posso dirvi che sono letteralmente rapita dal genio e dalla bravura del nostro direttore aritistico e regista Roberto Cenci. Vorrei che questa edizione di All Together Now non finisse mai, vivo l’entusiasmo dei telespettatori, leggo i loro commenti ogni giovedì e vorrei abbracciarli tutti, perché stanno vivendo le stesse emozioni che abbiamo vissuto noi in quello studio durante le registrazioni”.

Progetti per il futuro? 

“Mi attende un’estate caldissima, ricca di appuntamenti e serate, un remix di “pensiero stupendo” che uscirà a breve, un nuovo progetto musicale, un piccolo ruolo in un film, e chissà cos’altro dovrà arrivare. Voi, se vorrete, sostenetemi sempre!”- conclude Marica Rotondo. 

La bellissima Marica Rotondo

Filosofo digitale, appassionato di comunicazione web&social.
Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com