Cultura & Società Ultime Notizie

Alto Adige. Focus sull’Asia, mercati dell’Estremo Oriente sotto la lente d’ingrandimento alla giornata di consulenza di IDM

21 Novembre 2018

author:

Alto Adige. Focus sull’Asia, mercati dell’Estremo Oriente sotto la lente d’ingrandimento alla giornata di consulenza di IDM

Dall’accordo commerciale tra l’Unione europea e il Giappone alla riduzione dei dazi per le importazioni UE in Cina, sono molte le iniziative che favoriscono le esportazioni verso l’Estremo Oriente. Quali sono però le opportunità, le condizioni concrete e quali i rischi per le aziende altoatesine? Per informare le imprese locali su tutti questi aspetti riguardanti l’export verso Cina, Giappone, Corea del Sud e Paesi del Sud-est asiatico, IDM Alto Adige ha organizzato nei giorni scorsi una giornata di consulenza.
202 milioni di euro: questo è il valore complessivo delle esportazioni delle aziende altoatesine verso questi Paesi, che corrisponde al 4,2% delle esportazioni complessive. Nel 2017, attraverso il loro lavoro, quindi esportando, aggiudicandosi commesse e realizzando progetti, le aziende altoatesine hanno fatturato 70,5 milioni di euro in Cina e 66,3 milioni di euro nel Sud-est asiatico, di cui 34,7 in Malesia e 6,8 a Singapore. «Sebbene il valore sia limitato, se equiparato al totale dell’export dalla nostra provincia, questi mercati sono molto interessanti per le aziende altoatesine. Pur differenziandosi in modo notevole, le economie di questa zona sono in crescita e offrono un grandissimo numero di potenziali clienti alle aziende del nostro territorio», osserva il direttore di IDM Hansjörg Prast.
A tutto questo si aggiungono le novità che rendono più semplici le esportazioni verso alcuni di questi Paesi. Il nuovo accordo commerciale stretto a luglio tra Unione europea e Giappone eliminerà per esempio gran parte dei dazi sui prodotti europei e stabilirà degli standard comuni per le merci. Inoltre, a partire dal primo luglio la Cina ha ridotto i dazi sulle importazioni di molti prodotti sia nel settore alimentare, sia in quello automotive, due ambiti in cui le aziende altoatesine vantano molte eccellenze. «È nostro compito informare le aziende altoatesine sulle novità e approfondire con loro le diverse possibilità, facendo sì che possano avere successo anche su mercati lontani come quelli dell’Estremo Oriente», continua Prast spiegando il senso della giornata di consulenza a cui hanno preso parte quattro consulenti specializzati in questi mercati.
«Ci sono buoni margini, specialmente per le aziende specializzate in prodotti molto specifici, come la caldarese Ambach che esporta cucine professionali in Cina e che ha raccontato la sua esperienza durante la giornata di consulenza», commenta Bettina Schmid, direttrice del dipartimento Sales di IDM. In questi mercati, ancor più che in altri, è necessario però, date la distanza e le differenze culturali, muoversi in modo accurato e su un periodo medio-lungo. «Bisogna considerare, per esempio, che, ancora prima di stringere degli accordi, è necessario instaurare un rapporto di fiducia con i potenziali clienti o partner commerciali. I tempi sono un fattore determinante, è bene che le aziende siano informate su questo aspetto per poter scegliere se prendere in considerazione questi mercati», afferma Bettina Schmid, sottolineando come una buona conoscenza dei costumi e delle pratiche commerciali vada accompagnata da una pianificazione dettagliata in azienda.

In foto: il porto di Singapore, uno dei maggiori porti commerciali al mondo/c-fonte: IDM / Shutterstock.  

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *