Economia

Bolzano. Viale Druso e Metrobus, serata informativa tra CNA-SHV e dirigenti comunali

22 Agosto 2018

author:

Bolzano. Viale Druso e Metrobus, serata informativa tra CNA-SHV e dirigenti comunali

Viale Trento aperto ai mezzi delle Aziende

Oltre a realizzare otto aree per il carico/scarico merci riservate a corriere, artigiani e aziende in genere nel tratto di viale Druso compreso tra ponte Druso e piazza Adriano, sul quale sono stati appena completati i lavori di realizzazione della corsia preferenziale e delle fermate del Metrobus, il Comune si impegna a confrontarsi con le associazioni di categoria e con la cittadinanza sui successivi due tratti che saranno interessati dai lavori, ovvero via Sorrento-Via Palermo e via-Palermo-Piazza Adriano, ed a valutare in tempi brevi la riapertura al transito per corrieri ed artigiani di viale Trento in modalità Ztl. Il confronto preventivo ci sarà in futuro per tutte le opere importanti.

È quanto emerso dalla serata informativa organizzata ieri sera (21 agosto 2018) dalla CNA-SHV nei locali dell’Enoteca Di…vino di viale Druso. Un’iniziativa rivolta soprattutto alle imprese che hanno sede in viale Druso, che si è trasformata in un’assemblea pubblica per la partecipazione di numerosi cittadini, che hanno potuto porre dubbi e quesiti ai dirigenti comunali Ivan Moroder (Mobilità) e Mario Begher (Infrastrutture e arredo urbano).
Claudio Corrarati, presidente della CNA-SHV ha lamentato il fatto che i lavori siano stati eseguiti senza preventivo dibattito, con il risultato che ora è necessario correre ai ripari. Con perdita di tempo e di energie.
Gli ingegneri Moroder e Begher hanno aggiunto che gli interventi per il Metrobus costano 10 milioni di euro, di cui la metà a carico della Provincia e l’altra metà del Comune. A breve ci sarà un incontro tra il Comune di Bolzano, i Comuni di Caldaro e Appiano e la Provincia per individuare le soluzioni che spingano i pendolari a usare il Metrobus, visto che oggi Viale Druso ha un carico di 35.000 persone al giorno. L’obiettivo, a regime, è ridurre i tempi di percorrenza del 30% ed avere un bus ogni 8 minuti, oltre ad abbellire la via con nuovi alberi e arredo urbano, per ridurre sensibilmente il carico dei pendolari in auto.
I lavori dei prossimi due lotti ora nella fase del progetto preliminare, ai primi di settembre sarà sottoposto all’esame delle associazioni di categoria. I lavori verranno effettuati nel 2019 e finiranno al massimo all’inizio del 2020. Il tratto di via Sorrento-via Palermo avrà una sola corsia preferenziale in entrata. Da via Palermo a piazza Adriano ci saranno due corsie al centro della carreggiata con snodi di scambio all’altezza di via Giasmair per servire i poli scolastici di via Roen e via Rovigo. Così il Metrobus in entrata avrà corsia preferenziale da via Castel Firmiano alla funivia del Renon. Tra 5 anni, piazza Adriano sarà il punto di interscambio per collegare al Metrobus l’altro asse Corso Italia – via Roma – Zona Industriale.
Dagli imprenditori e dai cittadini presenti sono arrivate diversi quesiti. In particolare sull’accessibilità delle fermate per i disabili, sulla cancellazione della fermata del bus davanti alla Questura che lascerà come vie di accesso al centro città la fermata all’Eurac e quella di piazza Verdi, sulla sicurezza per le bici e per i pedoni. Due rappresentanti del comitato contrario alla realizzazione del tram hanno chiesto in che modo quest’opera si intreccerebbe con il Metrobus e auspicato un’istruttoria pubblica per il tram.

In foto, Claudio Corrarati, presidente CNA- SHW

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *