Arte Editoriali Ultime Notizie

Thomas Riss, un artista non sufficientemente valorizzato

17 Giugno 2017

Thomas Riss, un artista non sufficientemente valorizzato

Thomas Riss nasce il 4 dicembre 1871 in Austria a Haslach, un paese presso Stams nel Tirolo e muore il 27 ottobre 1959 ad Innsbruck. Dopo una breve permanenza ad Innsbruck assieme ad Anton Colli a Cortina d’Ampezzo si dedica alla pirografia per sostenersi. Nel 1890 inizia gli studi d’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Monaco, prima con i maestri Johann Caspar Herterich e Ludwig von Löfftz, successivamente negli anni 1892/93 con Franz von Defregger. Dopo tre anni di servizio di leva e una grave malattia giunge a Merano, città in cui realizzerà molti dei suoi capolavori. Durante la Grande Guerra presta servizio come pittore al fronte sulla Marmolada e nel 1926 si trasferisce a Mühlau (dal 1938 un quartiere di Innsbruck), dove vive fino alla morte.

Thomas Riss è stato uno dei più importanti artisti tirolesi, anche se dopo il suo decesso molti se ne sono dimenticati. Questo grande pittore ha realizzato in particolare ritratti, paesaggi e scene religiose. Grazie al ritratto di una coppia americana fu invitato negli Stati Uniti d’America, dove fu molto apprezzato. Per il dipinto di un lavoratore anziano esposto all’esposizione mondiale nel 1904 a San Louis ricevette la medaglia d’oro. La diffusione su cartoline postali dei suoi ritratti dei tiratori tirolesi fece di lui un artista famoso, tanto che le opere di Riss si trovano in molte collezioni private, nonché in musei, come il Museo Civico di Merano e il Ferdinandeum di Innsbruck. È incredibile che questo artista tanto considerato in vita, persino alla stregua di un Franz von Defregger e un Albin Egger Lienz, dopo la sua morte sia stato scordato dai grandi collezionisti. Eppure, sia a Mühlau, che a Stams troviamo delle vie Thomas Riss. In vita gli furono conferiti il titolo di professore e importanti riconoscimenti sia dal Land Tirol, dalla città di Innsbruck e dalla Repubblica d’Austria. Che dire, non sempre si è destinati a diventare famosi dopo la morte.

Giornalista pubblicista, scrittore.
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *