Politica Ultime Notizie

Bolzano. Mattarella e Van der Bellen a Merano per ricordare l’Accordo del 1992

9 Giugno 2017

author:

Bolzano. Mattarella e Van der Bellen a Merano per ricordare l’Accordo del 1992

Si ricorda la firma della “Quietanza liberatoria” tra discorsi celebrativi e musica attentamente dosata.

Incontro a tre domenica 11 giugno a Merano in una saletta del Kursaal tra il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il Presidente austriaco Alexander Van der Bellen e Arno Kompatscher. Temi del colloquio il nodo del Brennero, l’accoglienza dei profughi e l’atteggiamento austriaco nei confronti dell’Unione europea e delle quote.
Domenica sarà anche la giornata degli inni, una questione musicale che si è trasformata in politica. Dopo il duro scontro tra Kompatscher e il comandante degli Schützen che si era rifiutato di eseguire l’inno di Mameli, saranno i giovani di una orchestra di fiati ad eseguirlo. All’arrivo di Mattarella, che raggiungerà a Merano Kompatscher e Alexander Van der Bellen, la Banda di Lagundo suonerà la marcia del compositore ceco Julius Ernst Wilhelm Fučík “Furchtlos und treu”. Cinque minuti sarà eseguita la “Herzherzog Karl Marsch”. Ancora musica in onore dei due presidenti italiano e austriaco per ricordare l’Accordo Degasperi-Gruber. Sarà suonato per primo l’inno austriaco (per dovere di ospitalità) e poi l’inno di Mameli. Dopo ancora sarà la volta di un filmato a chiusura del quale sarà eseguito l’ouverture del Nabucco da parte dell’orchestra di fiati. Dopodiché gli interventi di Mattarella e Van der Bellen con l’inno europeo (Beethoven) cantato in tre lingue dal Coro giovanile provinciale. Questa la novità assoluta per salvaguardare i complicati equilibri politici nostrani.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *