Cultura & Società Ultime Notizie

Secondo appuntamento con Incroci di pagine al MUSE di Trento.

19 Aprile 2017

author:

Secondo appuntamento con Incroci di pagine al MUSE di Trento.

Giovedì 20 aprile, ore 18.00. MUSE Museo delle Scienze

A partire dai contenuti di “Blue Economy 2.0”, G. Pauli, Edizioni Ambiente con la prof.ssa Emanuela Bozzini, Dip. Sociologia dell’ambiente e del territorio e Jacopo Broseghini voce e basso dei Bastard Sons of Dioniso.

Secondo appuntamento con Incroci di pagine, il ciclo di incontri ispirato ai temi sollevati dalla mostra Estinzioni. Storie di catastrofi e altre opportunità. Da marzo a giugno, ogni mese, un libro di recente pubblicazione diventa il punto di partenza per delineare nuovi orizzonti di senso e prospettive su temi di forte attualità, legati alla salute e al futuro del nostro pianeta. Il tema del prossimo incontro, giovedì 20 aprile, sarà il CAPITALE NATURALE, affrontato a partire dalle pagine del libro Blue Economy 2.0. In sala, a dibattere e incrociare le proprie idee e punti di vista, due ospiti di formazione differente che affronteranno il tema con il rigore della ricerca scientifica e la freschezza della creatività artistica e della passione giovanile: la prof.ssa Emanuela Bozzini del Dipartimento Sociologia dell’ambiente e del territorio e Jacopo Broseghini voce e basso del noto gruppo musicale Bastard Sons of Dioniso.

In occasione della mostra Estinzioni. Storie di catastrofi e altre opportunità (al MUSE fino al 26 giugno 2017) ritornano gli appuntamenti con Incroci di pagine. Nel corso di ogni incontro, ospitato nella grande piazza coperta del museo, un libro di recente uscita sarà il punto di partenza per un dialogo tra ospiti con formazione e storie professionali differenti. Gli incontri si pongono l’obiettivo di stimolare la riflessione attorno al tema delle estinzioni per analizzare i comportamenti quotidiani alla luce delle leggi naturali del mondo in cui viviamo e porre interrogativi sul senso del nostro stare al mondo (anche) dal punto di vista della storia naturale.

Il secondo appuntamento, giovedì 20 aprile alle 18.00, prende il via dalle pagine di “Blue Economy 2.0”, G. Pauli, Edizioni Ambiente, uno scritto che affronta quelli che vengono celebrati come trionfi dal pensiero economico (che li allinea nelle statistiche sul Pil e sulla crescita) rivelando come, di frequente, siano in realtà fenomeni del tutto irrazionali. Utilizzando i rasoi usa-e-getta, ad esempio, buttiamo ogni anno centinaia di tonnellate di titanio, estratte in miniere dall’altra parte del mondo e lavorate a temperature altissime con costi energetici e ambientali enormi. Quando beviamo un caffè diamo valore solo a una frazione minima della biomassa da cui è stato prodotto: il resto lo gettiamo nella spazzatura dove genera gas serra e danneggia i suoli. Per potabilizzare l’acqua spesso scarichiamo nei fiumi e in mare sostanze chimiche dannose per la vita acquatica. Tagliamo milioni di alberi per soddisfare i nostri fabbisogni di carta, e quando l’abbiamo usata ne ricicliamo comunque una frazione minima… Gli esempi potrebbero continuare, ma è chiaro che l’umanità spreca troppa energia e materiali e, nel farlo, emette troppi gas serra. Il principale responsabile di questo stato di cose è il modello economico dominante, basato su una logica lineare di incremento dei consumi. Serve una svolta, e questa può arrivare dalla blue economy teorizzata e applicata da Gunter Pauli. Incentrata sull’imitazione degli ecosistemi e la circolarità dei flussi di materia; negli ultimi vent’anni ha ispirato migliaia di imprenditori.

Emanuela Bozzini è ricercatrice in Sociologia dell’Ambiente presso il Dipartimento di Sociologia e ricerca sociale dell’Università di Trento e research fellow presso la School of Law and Politics della Cardiff University. Fra le sue pubblicazioni recenti: Pesticide Policy and Politics in the European Union (Palgrave Macmillan 2017) e, Nutrire il Pianeta? Produrre cibo per tutti nell’era del cambiamento climatico (Carocci 2017).

Jacopo Broseghini è voce e basso del gruppo The Bastard Sons of Dioniso, giunto alla notorietà grazie alla trasmissione X Factor nel 2009, nella quale si sono classificati al secondo posto.

Presso il MUSE Shop sono in vendita tutti i libri del ciclo Incroci di pagine 2017.
Dopo gli incontri speciale aperitivo al MUSE Cafè e la degustazione offerta da EcorNaturaSì.Incroci di pagine è un progetto legato alla mostra Estinzioni. Storie di catastrofi e altre opportunità, al MUSE fino al 26 giugno 2017.

PROSSIMI INCONTRI

11 maggio, ore 18.00

Ecosocietà

Il libro: Sono Dio, G. Sartori, NN Edizioni

8 giugno, 18.00

C’è un senso?

Il libro: Il significato dell’esistenza umana, E. O. Wilson, Codice Edizioni

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *