Politica Ultime Notizie

L‘Heimatbund chiede libertà di pensiero anche a Roma

23 Agosto 2016

author:

L‘Heimatbund chiede libertà di pensiero anche a Roma

In foto: Roland Lang a Roma 

Il Südtiroler Heimatbund è deciso ad adire anche le vie legali per far valere il diritto della libertà di pensiero nella capitale d’Italia.

Come noto l’Heimatbund vuole far affiggere a Roma 1000 manifesti con la scritta „Il Sudtirolo non è Italia“. L’ufficio affissioni del Comune di Roma ha però respinto la richiesta con la motivazione che il contenuto del manifesto risulterebbe “non veritiero“ ed in contrasto con l’articolo 118 della Costituzione Italiana, comunica l’addetto stampa dell’Heimatbund, Hartmuth Staffler.

Questa motivazione è sbagliata nella sostanza e non ammissibile dal punto di vista formale. L’Heimatbund ha perciò dato incarico ad un rinomato avvocato di Bolzano di procedere contro il Comune di Roma e di far valere anche lì il diritto al libero pensiero. L’avvocato ha già mandato una lettera al Comune di Roma ricordando che né nel Decreto legge n. 507/1993, che disciplina le affissioni, né nelle successive delibere comunali di Roma sono state introdotte delle possibilità di controllo. All’Ufficio affissioni non spetta quindi una valutazione in merito all’opportunità ovvero legittimità o meno di un tale manifesto. Si tratta di un manifesto protetto dalla libertà di manifestazione dell’espressione di pensiero, prevista nell’articolo 21 della Costituzione – continua Hartmuth Staffler, sottolineando che simili manifesti sono stati peraltro affissi anche in diversi comuni della Provincia di Bolzano sia nell’anno 2007 che nell’anno 2013. Se l’Ufficio affissioni ritenesse che vi fossero gli estremi di un reato, rimarrebbe comunque libero di fare una denuncia presso la procura competente. L’avvocato chiede quindi all’Ufficio affissioni del Comune di Roma l’annullamento, in sede di autotutela, del rigetto. Se l’ufficio non terrà conto di questo invito, l’Heimatbund si vedrà costretto ad adire anche le vie legali, conclude l’addetto stampa dell’Heimatbund.

 

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *