Italia Ultime Notizie

Renzi “banche? ci interessa proteggere i correntisti e i risparmiatori non le poltrone di Cda”

31 Luglio 2016

author:

Renzi “banche? ci interessa proteggere i correntisti e i risparmiatori non le poltrone di Cda”

In foto: il presidente del consiglio Matteo Renzi con il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan

“Con Padoan abbiamo agito all’unisono, incoraggiando una soluzione di mercato. La BCE e il Cda del Monte dei Paschi di Siena hanno fatto poi la scelta che hanno ritenuto più solida. A me interessa proteggere il correntista e il risparmiatore. Devono sapere che in Italia c’è un governo che si occupa di loro, non delle poltrone dei consigli di amministrazione delle banche come accaduto troppo spesso in passato”.

Lo sottolinea il presidente del Consiglio Matteo Renzi in un’intervista a Repubblica.   “Quando gli altri Paesi come Gran Bretagna, Germania e Spagna hanno salvato le banche, non c’erano vincoli Ue. Li hanno messi nel 2013. E sono stati i governi che ci hanno preceduto a scartare l’ipotesi di una bad bank italiana. Per me è stato un errore, ma inutile piangere sul latte versato. Oggi -prosegue Renzi- ci sono dei vincoli complicati da spiegare. In soldoni: se vogliamo fare un intervento pubblico, bisogna che paghino anche i cittadini. E io non voglio che per le responsabilità dei politici del passato, e dei banchieri del passato, paghino i cittadini di oggi. Non è un fatto di consenso, è un fatto di giustizia. Paghi chi ha sbagliato, non la gente comune”.

“La nostra economia reale -rileva il premier- è quella che tra il 2009 e il 2014 in Europa ha perso più di tutti. Abbiamo avuto un crollo del pil, tre anni di recessione, la disoccupazione quasi raddoppiata. Pur tuttavia una banca italiana, Intesa, è risultata la migliore a livello europeo. Quattro su cinque vanno bene. Per la quinta, Monte dei Paschi di Siena, ci siamo mossi per dare una risposta tempestiva: la proposta di Atlante ripulisce finalmente e per sempre la questione crediti deteriorati. Insomma grazie all’intervento di Atlante c’è una soluzione di sistema, definitiva. E l’aumento di capitale, finalmente, sarà fatto su una banca totalmente ripulita dai problemi del passato”.

“Tuttavia – avverte Renzi- l’unica soluzione per archiviare definitivamente la crisi bancaria è tornare alla crescita. Dal 2015 abbiamo cambiato verso e invertito la rotta. Il segno del pil è tornato positivo, il Jobs Act ha portato 599mila posti di lavoro in più e la massa dei crediti deteriorati finalmente cala. Ecco perché insisto su investimenti, crescita e flessibiità contro la cultura dell’austerity”.

“Da tre anni conviviamo con il rischio di manovre correttive, ma posso dire con certezza che non ce ne sarà una per il 2016. Purtroppo ci troviamo a fronteggiare questo meccanismo atroce delle clausole di salvaguardia perché i governi Letta e Monti hanno disseminato di trappole le vecchie finanziarie, ma seguiremo la linea già tenuta fin qui scongiurando un salasso da 15 miliardi, dunque l’Iva non aumenterà”. Sottolinea  Renzi “E le tasse continueranno a scendere, perché andremo avanti sul taglio dell’Ires”, aggiunge.

 “Personalizzare questo referendum contro di me è il desiderio delle opposizioni, non il mio. Per questo ho già detto che il mio contributo sarà molto chiaro: parlare solo e soltanto di contenuti, tenendomi alla larga rigorosamente da tutti i temi del dopo. Questo referendum riguarda il futuro del Paese più che il mio. Se vince il sì, riduciamo il numero dei politici e le competenze delle regioni, se vince il no rimane tutto come adesso”.

“Se vince il sì ci saranno governi più stabili e l’abolizione degli enti inutili come il Cnel, se vince il no rimane tutto come adesso. Sarà una bellissima campagna elettorale sui contenuti, non sulle paure”, osserva Renzi.  Quanto alla data della consultazione, “penso che il Presidente Mattarella abbia detto parole definitive a riguardo. La data viene decisa sulla base di una precisa procedura che noi stiamo rispettando nel dettaglio, come peraltro è nostro dovere. Ottobre o novembre, cambia poco. L’importante è che i cittadini siano informati sul quesito”.

Il premier Matteo Renzi difende le scelte della Cdp dai dubbi sollevati dalla Corte dei Conti nella relazione sulla Cassa relativamente all’attività di finanziamento di iniziative di politica economica e industriale. “Rispetto la Corte dei Conti, ma la realtà – dichiara – è un’altra. Cdp si sta muovendo in totale ossequio alle leggi italiane e alle regole europee. Il fatto che possa dare una mano, oggi in Atlante o domani in Ilva, è a sostegno dell’economia reale del Paese. Ed è totalmente in linea con la missione della Cassa. A ciascuno il suo: cosa fa la Cassa lo decidono i soci e le leggi, non la Corte dei Conti”. Renzi esclude anche la Cdp sia diventata il bancomat del Tesoro. “No” è la sua riposta all’intervistatore.

Fonte: http://www.tribunapoliticaweb.it/news-in-evidenza/2016/07/31/32618_renzi-banche-ci-interessa-proteggere-correntisti-risparmiatori-non-le-poltrone-cda/

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *