Cultura & Società Ultime Notizie

Il sostegno ai profughi come tema centrale della CET a Bressanone

16 Settembre 2015

author:

Il sostegno ai profughi come tema centrale della CET a Bressanone

Il Sinodo dei vescovi a ottobre, il Convegno ecclesiale nazionale a novembre a Firenze, l’Anno santo della misericordia da dicembre sono tutti temi importanti affrontati nell’ambito dell’incontro dei vescovi della Conferenza episcopale regionale del Triveneto a Bressanone. Un tema centrale è anche il sostegno ai profughi che per tutte le 15 diocesi è prioritario.

Mons. Francesco Moraglia, il patriarca di Venezia, ha presieduto l’odierna celebrazione eucaristica nel Duomo di Bressanone. Nel corso dell’omelia egli ha descritto Maria come immagine per la Chiesa, come esempio di sequela a Cristo e ha ricordato che la fede di Maria è una fede dell’accoglienza. “In questo momento molti bussano alle nostre porte – ha detto mons. Moraglia – e noi come credenti siamo chiamati ad accogliere.” Il sostegno ai profughi, infatti, è un tema centrale di questo incontro dei vescovi delle 15 Diocesi della Conferenza episcopale regionale del Triveneto che si è svolto per la prima volta a Bressanone. Il vescovo Ivo Muser afferma che nella Diocesi di Bolzano-Bressanone la Caritas diocesana compie ogni giorno un lavoro eccezionale; allo stesso tempo però c’è bisogno di maggiore sensibilizzazione, di “un clima di accoglienza”. Le strutture sono importanti, però non basta mettere a disposizione un tetto; si tratta soprattutto di accogliere partendo dalle menti e dai cuori degli uomini, ha fatto riflettere il vescovo. “Questa è la grande sfida che ci dobbiamo porre, senza avere già pronte delle soluzioni e delle risposte preconfezionate. Questa posizione aperta all’accoglienza ci indicherà la via da seguire e ci aiuterà a trovare delle risposte”, ha affermato mons. Muser. “Nelle singole diocesi le situazioni sono differenti, ma le questioni comuni e le sfide pastorali sono le stesse”, ha detto il vescovo che ha invitato a creare una rete e, dove è possibile e sensato, a creare delle sinergie.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *