Cronaca Ultime Notizie

Mele dell’Alto Adige, calibrare la quantità con la qualità

2 Luglio 2015

author:

Mele dell’Alto Adige, calibrare la quantità con la qualità

Nella maggior parte dei meleti la quantità di frutti sui rami è soddisfacente”, afferma Robert Wiedmer del Centro di consulenza per la fruttiviticoltura dell’Alto Adige. Per la qualità delle mele saranno invece decisive le prossime settimane, quando i contadini avranno finito l’opera di diradamento manuale eliminando i frutti malformati, piccoli o in eccesso.

Le mele dell’Alto Adige sono famose in Italia e all’estero per la loro eccellente qualità. Ma cos’è che rende buona una mela? Quali sono gli accorgimenti messi in atto dai produttori? “La qualità dipende da alcuni fattori fondamentali: una corretta potatura, una concimazione adeguata ma soprattutto un diradamento manuale effettuato a regola d’arte”, spiega l’esperto del settore Wiedmer. Ed è proprio in questo periodo che i contadini sono alle prese con l’eliminazione dei frutti deformi, troppo piccoli, o danneggiati.

Importante, spiega inoltre l’esperto, la collaborazione tra chi produce e chi commercializza: “Il diradamento manuale ci permette di immettere sul mercato un prodotto privo di difetti. Eliminando i frutti in eccesso quelli che rimangono diventano molto più belli. Questa selezione precoce fa sì che nei magazzini non arrivi frutta di bassa qualità, permettendoci così di evitare costi inutili”.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *