Italia Ultime Notizie

Tra un voto e l’altro la lunga marcia per il Capo dello Stato

29 Gennaio 2015

Tra un voto e l’altro la lunga marcia per il Capo dello Stato

“La politica non è una scienza, ma un’arte” disse Otto von Bismarck. Osservando quanto sta accadendo a Roma in queste ore, sembra che non sia proprio un gioco da ragazzi barcamenarsi in modo efficiente all’interno del Parlamento riunitosi per eleggere il nuovo Capo dello Stato. Come già preannunciato negli ultimi giorni da giornali, commentatori e politologi, nella prima votazione di oggi per l’elezione del Presidente della Repubblica non è stato raggiunto il quorum necessario. I grandi partiti hanno votato scheda bianca, mentre altri hanno preferito far convergere i propri voti su personaggi più o meno conosciuti. I grillini hanno scelto Imposimato, mentre il noto giornalista Vittorio Feltri ha ricevuto 49 voti. Gli ex M5S hanno votato Rodotà e 37 voti gli ha ricevuti Luciana Castellina. In ogni caso, per ora nulla di fatto e domani alle 9.30 si passerà alla seconda votazione. Probabilmente anche domani non accadrà nulla di eclatante, poiché sarà richiesta la maggioranza qualificata dei due terzi. E se è vero che il PD inizierà a votare il proprio candidato solamente a partire dalla quarta votazione con la maggioranza semplice, aimè, lo spumante dovrà ancora attendere qualche giorno. C’è chi sostiene che il candidato certo del PD sia Sergio Mattarella e che si voglia attendere il momento giusto per votarlo. Vedremo, ancora non è eletto e in politica le trattative si fanno prima, durante e alla fine per vedere a cose fatte i risultati. Intanto oggi, a prescindere dai voti dispersi, qualcuno si è sbizzarrito votando più a caso che per convinzione, cosicché qualche preferenza l’hanno avuta Paolo Mieli, Claudio Sabelli Fioretti, Giancarlo Magalli, Ezio Greggio, Sabrina Ferilli, Antonio Razzi, nonché Enrico Letta e Francesco Totti. Purtroppo né Letta né Totti hanno raggiunto la verde età di cinquant’anni per essere eletti, ma forse l’atmosfera pre-carnevalesca ha influito un poco. In fondo, a carnevale ogni scherzo vale, e in attesa di fare le cose sul serio, non preoccupiamoci troppo, domani è un altro giorno.

Giornalista pubblicista, scrittore.
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *