Cultura & Società Ultime Notizie

Missing Film Festival. Lo schermo perduto

24 Novembre 2014

author:

Missing Film Festival. Lo schermo perduto

Progetto speciale dell’Associazione Nazionale di Cultura Cinematografica C.G.S. “Cinecircoli Giovanili Socioculturali”

Con La sapienza alla presenza del regista Eugène Green al cinema Cappuccini e Io sto con la sposa al Club Amici del Cinema inizia martedì 25 novembre la 23° edizione del MISSING FILM FESTIVAL, progetto speciale dei CGS Cinecircoli Giovanili Socioculturali. Gli eventi in programma per l’edizione 2014, che comprende oltre 30 titoli tra lungometraggi e cortometraggi, saranno ospitati in svariate sedi. A Genova, oltre al Club Amici del Cinema, organizzatore e sede storica del Festival: il Cinema Cappuccini, il Nickelodeon, il Nuovo Cinema Palmaro, il Fritz Lang e il San Siro.

Il Concorso offre un aggiornamento puntuale sulle opere prime del cinema italiano e comprende Pulce non c’è di Giuseppe Bonito, Stop the Pounding Heart di Roberto Minervini, Il venditore di medicine di Antonio Morabito, Piccola patria di Alessandro Rossetto e Più buio di mezzanotte di Sebastiano Riso. Grazie al MISSING arrivano sugli schermi liguri quattro prime visioni: La sapienza, Pelo malo di Mariana Rondòn, Qui e là di Antonio Mendez Esparza,The Gambler di Ignas Jonynas e due novità scomparse troppo presto dalle sale come Frank di Lenny Abrahamson e Boyhood di Richard Linklater. La manifestazione ha dato sempre molto rilievo alla produzione nazionale, presente quest’anno con 11 titoli in cartellone: oltre a quelli in concorso, Io sto con la sposa di Antonio Augugliano, Gabriele Del Grande, Khaled Soliman Al Nassiry, In grazia di Dio di Edoardo Winspeare, E fu sera e fu mattina di Emanuele Caruso, Se chiudo gli occhi non sono più qui di Vittorio Moroni, Pane e burlesque di Manuela Tempesta, Le meraviglie di Alice Rohrwacher, Spaghetti Story di Ciro De Caro.

In continuità con le edizioni precedenti il MISSING si conferma nel suo ruolo di interlocutore sensibile verso le nuove coraggiose forme di distribuzione come Rete degli Spettatori, Cineclub Internazionale, Distribuzione Indipendente, I Wonder, La Sarraz. L’interesse per la vitalità del cinema indie è da sempre una costante del Festival, ma questa edizione offre anche una particolare indagine su una innovativa forma di produzione, il finanziamento dal basso o crowdfunding all’italiana, rappresentata da un numero significativo di opere che hanno alle spalle lavorazioni avventurose o pittoresche: i titoli di coda di Io sto con la sposa citano i nomi di 2617 “produttori dal basso”, gli sponsor di In grazia di Dio sono i coltivatori del territorio che hanno offerto i loro prodotti da trasformare in pacchi baratto, E fu sera e fu mattina, Premio FICE Film indipendente dell’anno, è nato grazie al crowd equity, progetto attraverso il quale i sostenitori ottengono micro-quote degli incassi in base alle donazioni, Se chiudo gli occhi non sono più qui è stato realizzato con il sostegno di Save the Children e Spaghetti Story è diventato un vero e proprio caso partendo da un budget di 15.000 euro recuperati dalla vendita dell’automobile del padre e nutrendosi del passaparola e dei social network.

Tra gli extra e le numerose attività collaterali sono da segnalare: l’anteprima nazionale di Il filosofo ignoto di Francesco Fogliotti e Enrico Pertichini sulla figura di Guido Ceronetti, autoprodotto con la partecipazione di Circolo degli Inquieti, Teatro8, Teatro dei Sensibili di Guido Ceronetti, CGS, Museo Nazionale del Cinema; la collaborazione con la Cineteca Nazionale di Bologna per Il Cinema e la Grande Guerra con la proiezione di La grande illusione di Jean Renoir; la proiezione di Pescador di Sebastian Cordero alla presenza di Esther Cuesta, Console Generale dell’Ecuador a Genova, primo atto di una rassegna del cinema ecuadoriano in programma per il 2015; l’omaggio a Luciano Vincenzoni con documentario Il falso bugiardo di Claudio Costa e le mostre 100 FILM D.O.C. Storia di una rivista ligure nello spazio espositivo di Piazza De Ferrari, e presso il Centro Civico “Buranello” Via N. D’Aste 8 a Genova Sampierdarena e TV 60 – Oggetti e Ricordi di storia televisiva iniziativa del Museo PassaTempo a Rossiglione.

Il MISSING FILM FESTIVAL è stato reso possibile grazie a CGS Cinecircoli Giovanili Socioculturali, MiBAC, con la collaborazione di Regione Liguria Assessorato allo Spettacolo, Comune di Genova Municipio II Centro Ovest, AGIS, ACEC, FICE, Cineteca Griffith, Archivio Cineclub Fotovideo Genova, Genova Liguria Film Commission.

Per informazioni: Club Amici del Cinema – e-mail: amicicinema@gmail.com – Tel. 010413838

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *