Cronaca Ultime Notizie

Spaccio, sei arresti sul Talvera

9 Settembre 2014

author:

Spaccio, sei arresti sul Talvera

Operazione cominciata a inizio luglio con i controlli sul territorio coordinati dalla Volante di Andrea Canciani.
Ieri sono state emesse 7 ordinanze di custodia cautelare e un divieto di dimora nei confronti di altrettanti cittadini extracomunitari particolarmente attivi con i giovanissimi. Decine e decine le cessioni documentate e recuperate da minorenni di ogni estrazione sociale e gruppo linguistico. Uno è ancora ricercato. Sono tutti provenienti dall’Africa Subsahariana, tra i 22-25, in particolare da Guinea, Senegal e Gambia.
L’attività era particolarmente proficua bella zona del Minigolf al Talvera, all’altezza dei campi da Faustball. A qualsiasi ora del giorno c’era movimento di acquirenti che andavano a colpo sicuro con relazioni anche amicali. Alcuni di loro facevano pure le vedette perché i controlli sono comunque frequenti. L’investigazione è stata effettuata con metodi tradizionali, senza intercettazioni telefoniche.
Bacio Yahya, Drame Elhadj Babou, Jadama Alleu, Jayi Mamadou, Jadama Lamin, Sambu Mamadu sono i nomi dei catturati nel sodalizio criminale grazie alla Volante, le unità cinofile e i reparti speciali. Tutti con regolare permesso di soggiorno per fini umanitari arrivati nel 2011 a Pantelleria con richiesta di protezione.
Dopo gli arresti, addirittura, c’era un viavai di ragazzi alla ricerca disperata del nucleo di spaccio. <<I quantitativi non sono enormi – puntualizza Tricarico, capo della Mobile – e non c’è il carico grosso a capo della filiere, ma il bacino di insistenza sui giovanissimi era importante insistere su questo fenomeno>>. La zona è molto riparata, particolarmente frequentata. <<Con recuperi abbiamo registrato 5-6 episodi in circa due ore. Moltiplicate il tutto per i pomeriggi di 60 giorni d’estate e il movimento è impressionate. Parliamo di 500-600 euro quotidiani. Sarebbe interessante pure un’analisi degli acquirenti: giovanissimi, alcune volte ragazze quindicenni che scendevano per i compagni che rimanevano sul Talvera>>.
<<Ieri abbiamo fatto numerosi controlli con la finalità di dare un segnale alla cittadinanza – spiega il responsabile Andrea Canciani – attraverso il controllo del territorio. Sebbene siano fenomeni che non devono destare allarme eccessivo, vanno tenuti sotto controllo>>.
Durante la conferenza stampa è intervenuto pure il questore Lucio Carluccio. <<Il controllo sul Talvera è maturata all’interno delle riunioni periodiche del Comitato per la sicurezza. È un luogo su cui andava garantita una certa attenzione con interventi anche straordinari per frenare la diffusione dello spaccio. Attività complessa con prevenzione in divisa con controlli, ma anche indagini coordinate con l’autorità giudiziaria>>. Preoccupazione anche da parte del questore per gli acquirenti. <<Sono giovanissimi ed è preoccupante. Era un punto di ritrovo per tutta la Provincia, alcuni arrivavano anche da fuori Alto Adige>>.
Presente pure il procuratore Guido Rispoli. <<Il controllo del territorio è il nostro primo obiettivo e la tolleranza zero va assolutamente perseguita. Questa è un’indagine che preoccupa per la sua natura rivelando una situazione di pericolosità che andava repressa. Lo spaccio al minuto è difficilissimo da contrastare e qui ci sono tutti gli elementi necessari. Credo che in fase processuale ci saranno sufficienti elementi a carico>>.

Alan Conti

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *