Politica Ultime Notizie

L’assessore Achammer visita la Scuola Zelig Visita

17 Settembre 2014

author:

L’assessore Achammer visita la Scuola Zelig Visita

Nel corso della sua visita alla Scuola ZeLig di Bolzano l’assessore Achammer ha espresso la propria ammirazione per il lavoro svolto sia sotto il profilo culturale che economico e si è espresso a favore di un sostegno provinciale che dia maggiore sicurezza progettuale e finanziaria alla Scuola.

“La Scuola di documentario, televisione e nuovi media ZeLig di Bolzano nei suoi oltre 25 anni di attività ha contribuito in maniera determinante allo sviluppo dell’attività in questo settore in Alto Adige.

Essa svolge un ruolo importante non solamente sotto il profilo culturale, ma, in misura crescente, anche dal punto di vista economico” così si è espresso l’assessore Philipp Achammer al termine della visita odierna (17 settembre) alla scuola  di Bolzano.

Nel corso della visita la direttrice della Scuola ZeLig, Heidi Gronauer, ed il vicepresidente della cooperativa, Lorenzo Paccagnella, hanno illustrato all’assessore Achammer l’attività svolta dalla Scuola, anche sotto il profilo della produzione e nell’ambito della rete internazionale delle strutture che operano in questo settore.

Un aspetto particolarmente positivo della Scuola ZeLig è rappresentato dal fatto che oltre il 90% dei diplomati prosegue la propria attività nello stesso settore.

Grazie alla Scuola nell’arco degli ultimi 25 anni sono nate in Alto Adige numerose attività di produzione nel campo cinematografico e molti professionisti altoatesini hanno trovato inserimento nell’ambito del mercato internazionale. La scuola triennale trilingue, in italiano, tedesco ed inglese, viene finanziata dalla formazione professionale provinciale.

Per il ciclo triennale 2013 – 15 la Provincia ha messo a disposizione della Scuola 1,35 milioni di euro. L’assessore Achammer si è inoltre espresso a favore di un sostegno provinciale che dia sicurezza alla programmazione ed al finanziamento della Scuola ZeLig.

Foto: copyright/Ufficio Stampa Prov. di Bolzano

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *