Politica Ultime Notizie

Sopralluogo alla scuola Dante Alighieri di via Cassa di Risparmio

22 Agosto 2014

author:

Sopralluogo alla scuola Dante Alighieri di via Cassa di Risparmio

In corso importanti lavori di completamento della ristrutturazione

Stamane gli assessori comunali ai Lavori Pubblici Luigi Gallo e alla Scuola Judith Kofler Peintner, hanno effettuato un sopralluogo nello storico edificio che in via Cassa di Risparmio ospita la scuola Dante Alighieri dove sono in corso importanti lavori di completamento della ristrutturazione. Si tratta di un edificio sotto tutela della Sovrintendenza ai beni architettonici che da anni è oggetto di manutenzioni straordinarie complessive  e ristrutturazione. In questo momento in corso il completamento delle opere antincendio e di rifacimento della facciata esterna e degli infissi. “L’obiettivo – ha detto l’Assesore Gallo – è quello di mettere a disposizione la scuola funzionante per quanto riguarda la parte didattica con l’avvio del nuovo anno scolastico, ma ci saranno ancora delle lavorazioni di completamento dei lavori al pian terreno per quanto riguarda gli uffici amministrativi e in parte anche sull’esterno.Le aule saranno consegnate comunque in piena  sicurezza e funzionalità con l’avvio della scuola affinchè tutti gli alunni possano iniziare tranquillamente il nuovo anno scolastico”.

La scuola Dante che accoglie circa tra 500 scolari e studenti delle elementari e medie, è ospitata in un edificio di grande pregio architettonico e di importante valore storico ed educativo per la città di Bolzano. Per la sua complessità e per il fatto che lo stabile è posto sotto tutela, ha richiesto lavorazioni di particolare complessità.  La responsabile di progetto del Comune Daniela Eisenstecken ha ricordato che quello presentato stamane è solamente l’ultimo dei vari lotti d’intervento realizzati in 10 anni anni e completati in 4 diversi periodi estivi dal 2004 ad oggi  Complessivamente sono stati circa 8 i milioni di Euro investiti fin qui dal Comune per adeguare la scuola ai moderni standard di sicurezza ed efficienza richiesti. In particolare i lavori in corso quest’estate hanno riguardato le opere di completamento per la manutenzione straordinaria e l’adeguamento antincendio (spesa740.000 Euro) e l’intervento di conservazione e restauro delle facciate/finestre storiche e tinteggiatura (spesa 1,5 milioni di Euro).

L’assessore Kofler Peintner accompagnata dalla direttrice dell’Ufficio Servizi Educativi del Comune Patrizia Caleffi,  ha sottolineato inoltre che all’ultimo piano, a fronte del trasferimento del Museo della Scuola all’ex “Agnello” a Rencio ,sono state anche recuperate a fini didattici alcune aule con grande giovamento per la scuola ed i suoi alunni.

Il progetto complessivo di ristrutturazione è stato elaborato da un gruppo di professionisti coordinato dall’arch. Augusto Visintini. I lavori sono iniziati nell’estate del 2004. L’obiettivo iniziale ero quello di adeguare la scuola alle prescrizioni della normativa antincendio. Dovendo realizzare quelle opere, il Comune ha quindi colto l’opportunità per attuare una manutenzione straordinaria, resasi necessaria dopo tanti decenni di “onorato servizio”. Oltre a un poderoso adeguamento delle dotazioni impiantistiche di tutti gli ambienti della scuola, sono state così realizzate due nuove scale interne in testa ai lunghi corridoi, perfettamente integrate all’interno dell’edificio storico, recuperati due ampi sottotetti per aule speciali, realizzati magazzini e spogliatoi per la palestra ed anche la mensa è stata ampliata ed insonorizzata. Nel terzo lotto, interventi di abbattimento delle barriere architettoniche per l’accesso alla palestra dal cortile e il collegamento interno tra i due piani degli spogliatoi. Quest’estate dunque il completamento dei lavori.

La scuola Dante in via Cassa di Risparmio  incarna la complessa storia non solo edilizia, ma anche socio-politica del capoluogo . Nasce sotto l’imperial-regia Monarchia Asburgica (che dura fino al 1918), passa per il Regno d’Italia, poi per la dittatura fascista (1922-1943); nel periodo 1943/45 vive l’epoca dell’Alpenvorland sotto il regime nazista, vive la nascita della Repubblica Italiana nel 1945/46 e conosce infine le novità introdotte con lo sviluppo dell’autonomia provinciale in Alto Adige- dopo il 1972. La scuola ha ospitato per molti anni anche il Museo della Scuola, una pregiata raccolta di documenti e oggetti scolastico.

Cronistoria
1911 La scuola viene costruita sotto l’impero austroungarico dall’intraprendente Sindaco Perathoner e viene inizialmente denominata “Kaiserin Elisabeth”. Progettata dal famoso architetto Gustav Nolte, vide l’impiego di altissimi elementi di ricchezza architettonica, pittorica, scultorea e di raffinata lavorazione del ferro battuto. Vi lavorarono i pittori Toni Grubhofer e Albert Stolz, il Maestro di Scultura Andrea Kompatscher e la sua Fachschule für Holzindustrie
1922 Durante il fascismo venne denominata “Regina Elena”.
1946 Nella stagione della conquistata democrazia, fu intitolata a “Dante Alighieri”, massimo poeta italiano, appartenente al patrimonio della Cultura mondiale.
2004 Iniziano i lavori di ristrutturazione progettati e diretti da un gruppo di professionisti: arch. Augusto Visintini (architettura e direzione lavori generale), Ing. Antonio Marinaro (impianti elettrici e antincendio),  Responsabile di progetto per il Comune di Bolzano arch. Daniela Eisenstecken.
2011 La scuola ha festeggiato i suoi primi 100 anni.

In foto: da dx Kofler Peintner, Gallo e l’arch. Visintini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *