Cultura & Società Ultime Notizie

L’apprendimento permanente con lo Studium Generale: aprono le iscrizioni

18 Agosto 2014

author:

L’apprendimento permanente con lo Studium Generale: aprono le iscrizioni

Etica, cinese per principianti, scienze ambientali ed ecologia o filosofia. Sono solo alcune delle materie che, a partire dall’autunno, ogni persona interessata potrà approfondire nella nuova edizione dello Studium Generale. Un’offerta formativa di livello universitario che permette di frequentare sei corsi in tre anni accademici e di sostenere i relativi esami. La novità di quest’anno sarà il percorso rivolto a persone con disabilità cognitive. Il termine per le iscrizioni è il 14 settembre.

Quest’anno, la Libera Università di Bolzano, nell’ambito dello “Studium generale” ha istituito anche un percorso peculiare intitolato “Didattica: apprendere insieme”. Si tratta di un corso che è rivolto a 10 partecipanti con disabilità cognitive e ad altrettanti senza disabilità. La sfida dei docenti e dei discenti è la condivisione degli spazi e dei metodi dell’apprendimento. Tutte le tematiche – Natura, ambiente e società, I diritti nella vita quotidiana e I nuovi media – saranno affrontate dai professori e dai partecipanti utilizzando un linguaggio semplice e alla portata di
tutti.

“Con lo Studium Generale abbiamo dato vita a un corso di studi che si rivolge a persone di tutte le età”, afferma il Presidente dell’Università, il prof. Konrad Bergmeister che nel 2011 ha lanciato lo Studium Generale alla Libera Università di Bolzano, “l’aggiornamento continuo dei contenuti dell’offerta formativa – volutamente ampia – dovrà garantire anche in futuro a questo corso il favore riscontrato negli ultimi tre anni”.

I corsi dello Studium Generale sono tenuti in italiano, tedesco e inglese dai docenti delle diverse facoltà della Libera Università di Bolzano. I partecipanti devono scegliere obbligatoriamente due corsi – uno di Etica e uno nell’ambito delle lingue – e hanno la possibilità di personalizzare il proprio piano di studi scegliendo tra i restanti 20 insegnamenti proposti. Un aspetto particolarmente attraente dello Studium Generale è costituito dalla possibilità di vedersi riconosciuti alcuni dei crediti acquisiti nello Studium nel caso di una successiva iscrizione a un corso di laurea di unibz. A tutti i partecipanti in possesso di un diploma di maturità, l’università rilascerà un “Certificato Universitario Studium Generale” che testimonia l’acquisizione dei 30 crediti necessari al completamento del percorso.

“Lo Studium Generale è ormai diventato un elemento fisso nell‘offerta formativa del nostro ateneo che invoglia i partecipanti a continuare o ad affrontare uno studio a universitaria”, afferma il rettore della Libera Università di Bolzano, il prof. Walter Lorenz, „l’università riesce così a percepire meglio i bisogni formativi e quindi a proporre corsi adeguati a soddisfare il fabbisogno della popolazione locale. Un esempio è il corso che mira a unire persone con disabilità cognitive e persone senza disabilità cognitive. L’apprendimento comune è un’esperienza preziosa per tutti i partecipanti, sia per chi sta sui banchi che per chi sta dietro alla cattedra”.
La frequenza allo Studium Generale non è obbligatoria e lo studente può scegliere liberamente di terminare il percorso in un periodo che varia da 1 a 3 anni accademici. Le tasse di iscrizione ammontano a 450 euro (da pagare un’unica volta, all’atto dell’iscrizione). Le tasse per il percorso “Didattica: crescere insieme” ammontano invece a 100 euro.
Per informazioni e iscrizioni: tel. 0471 012 803, studiumgenerale@unibz.it

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *