Politica Ultime Notizie

Fondazione UNESCO: approvate le linee guida operative, riduzione traffico

29 Agosto 2014

author:

Fondazione UNESCO: approvate le linee guida operative, riduzione traffico

Le linee guida operative per la salvaguardia del paesaggio delle Dolomiti patrimonio mondiale UNESCO sono state approvate dalla specifica Fondazione presieduta dall’assessore provinciale Richard Theiner. Deciso anche un incontro con i responsabili politici della mobilità di Regioni e Province interessate per discutere la riduzione del traffico sui passi dolomitici.

Le linee guida per il patrimonio paesaggistico approvate dalla Fondazione UNESCO sono state elaborate in base a uno studio dell’Università di Udine. “Nascono principalmente con lo scopo di armonizzare le basi conoscitive su cui la Fondazione e le diverse realtà istituzionali dovranno operare in tema di pianificazione e monitoraggio”, sottolinea l’assessore Richard Theiner, che nella sua veste di presidente di turno della Fondazione Dolomiti UNESCO ha guidato la riunione del CdA a Cortina d’Ampezzo.

Nel corso del vertice è stato presentato anche lo stato attuale dello studio dell’EURAC sull’andamento del traffico lungo i passi dolomitici, che costituisce una base importante per l’assunzione in futuro di misure sovraprovinciali in grado di ridurre l’incidenza del traffico sui passi. Su proposta dell’assessore Theiner ancora entro l’anno sarà organizzato un incontro con il direttivo della Fondazione Dolomiti UNESCO e con i responsabili politici della mobilità di Regioni e Province coinvolte, con l’obiettivo di elaborare concrete misure di riduzione della circolazione sui valichi. “I passi si sviluppano attraverso Province e Regioni diverse, quindi è necessario individuare un modo di procedere concordato, altrimenti non ha senso”, sottolinea Theiner. La Fondazione può solo proporre le misure, ma responsabili della loro attuazione sono Province e Regioni, ha ricordato.

Nella riunione a Cortina si è parlato infine del sondaggio effettuato dall’EURAC su incarico della Fondazione fra visitatori e operatori turistici, al fine di individuare una strategia comune sul piano turistico e gestionale per l’intera area dolomitica riconosciuta patrimonio mondiale UNESCO. In Alto Adige la rilevazione è stata condotta in val Fiscalina a Sesto, in alta Pusteria a Prato Piazza, a Funes, in Vallelunga, a Tires e nel Bletterbach in Bassa Atesina.

In foto: CdA della Fondazione UNESCO, copyright – USP

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *