Cronaca

Due arresti negli ultimi due giorni

18 Ottobre 2013

author:

Due arresti negli ultimi due giorni

poliziaTra giovedì 17 ottobre e venerdì ben due gli arresti operati dalle forze dell’ordine per transiti in provincia di Bolzano di clandestini siriani. Nel primo caso sono stati arrestati dalla polizia stradale uno straniero di origine siriana sorpreso a trasportare quattro clandestini siriani, nel secondo si è trattato dell’arresto di un cittadino ungherese per favoreggiamento della immigrazione clandestina, anche in questo caso di cittadini originari della Siria. 
Alle ore 6.00 di giovedì 17 ottobre una pattuglia della Polizia Stradale di Vipiteno intercettava lungo il tratto nord dell’ A/22 tra Egna e Bolzano sud  una Volvo con targa  svedese. Gli agenti della Polizia di Stato notarono che gli occupanti del veicolo erano sorpresi dalla presenza inaspettata di una pattuglia della Polizia Stradale e nel momento in cui il veicolo svedese stava per essere superato dalla macchina della Polizia questo si immetteva nell’area di servizio Laimburg Ovest, evidentemente per far perdere le sue tracce e sottrarsi al controllo.. Successivamente gli agenti, dopo aver intercettato nuovamente l’autovettura in autostrada e resisi conto che gli occupanti erano di origine mediorientale, intimavano al conducente di seguire la pattuglia a Bolzano sud. Qui giunti, la Polizia accertava che il conducente, un cittadino siriano del 1977 residente in Svezia, stava trasportando 4 clandestini siriani, tra cui due minorenni. Gli agenti, pertanto, procedevano all’arresto del siriano associandolo alla casa circondariale di Bolzano e mettendolo a disposizione del sostituto Procuratore della Repubblica Dr. Secco, che ne ha disposto l’arresto.
Il secondo caso ha avuto luogo alla barriera autostradale di Vipiteno. Qui gli agenti del Commissariato del Brennero hanno arrestato un cittadino ungherese di 52 anni che trasportava quattro cittadini siriani muniti di passaporti con il visto non valido per l’attraversamento dello spazio Schengen. 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *