Cultura e società

LA SCUOLA SI PREOCCUPA

30 Gennaio 2013

author:

LA SCUOLA SI PREOCCUPA


24 Ore di mobilitazione al Liceo Pascoli di Bolzano

 

di Pinuccia Di Gesaro

pascoli

 

Poiché la scuola è di tutti, il Liceo Pascoli di Bolzano – più precisamente Liceo delle Scienza Umane – ha deciso di appropriarsene, e di alzare il tiro. L’intento è quello di contrastare la “svalutazione” in atto nei confronti della Scuola così come nei confronti della cultura in generale. 

 

 

Anziché “risparmiare e tagliare”, come pare essere la prassi adottata in maniera massiccia dai responsabili politico-amministrativi, docenti e studenti di questo Istituto hanno deciso di andare contro corrente perché proprio in tempo di crisi, – di valori, di cultura, di sapere – è opportuno “investire”. Questo metodo, essi ritengono, sia quello più opportuno per risollevare la scuola dalla sofferenza in cui è precipitata, con accuse di disaffezione e di scarso “rendimento” da parte di coloro che non considerano la scuola un bene primario ma un contenitore sociale di improbabile produttività.

Per dare dimostrazione di quante prospettive il modello partecipativo sia ricco, il Liceo Pascoli promuove per giovedì 31 gennaio e per 24 ore consecutive – notte compresa – una giornata particolare con iniziative didattiche interessanti, classi aperte, compresenze, laboratori, giornata alla quale in pomeriggio sono invitati a partecipare genitori, cittadini, amministratori, politici, colleghi e studenti di altre scuole.

Anziché rispondere alle provocazioni e alle accuse frequentemente lanciate contro insegnanti, docenti e in generale contro la scuola, questo Istituto ha deciso di non rispondere con lamentazioni o arringhe difensive ma in positivo, dimostrando cosa la Scuola può fare e può essere a condizione che si instauri un clima di collaborazione e si pratichi il metodo dell’inclusione e la disponibilità all’apertura alle sollecitazioni della società e alle potenzialità di intelligenza e di creatività di tutti coloro che sono coinvolti.

Pinuccia Di Gesaro

 

LA SCUOLA SI preOCCUPA”

 

 

A cura degli insegnanti e degli studenti del

Liceo Pascoli di Bolzano

 

 

 

 

PROGRAMMA di giovedì 31.01.13

 

 

MATTINA (solo per gli studenti)

 

 

 

  • What is art Maria Rosaria Lamberti con la classe 1 C

  • Shakespeare in love Maria Rosaria Lamberti con la classe 3 A (proiezione film)

  • How to evaluate a teacher Maria Rosaria Lamberti con le classi 5 P, 4 C

  • Voi c’ascoltate in rime sparse il suono Christian Bertoldi con le classi terze; lezione in video come estrema razionalizzazione delle risorse

  • La notte della Repubblica Giovanni Accardo con le classi V B e V D

  • GIORNATA CINEMA Carla Arcieri e Giovanni Accardo con le classi 2 A e 3 B

  • La scuola si preoccupa Valentina Mignolli e Nazario Zambaldi; cooperative learning con le classi 5 B e 5 D su temi legati alla scuola

  • Anno di volontariato europeo e Anno all’estero relazioni degli studenti, con Patrizia Tambosi

  • Disturbi specifici di apprendimento cosa sono i DSA; strategie didattiche con l’alunno DSA, normativa, metodo di studio con Gruppo di sostegno

  • La legislazione scolastica provinciale e nazionale lettura e commento di articoli che riguardano le politiche della scuola con Giuseppina Sacco classi 4 A e 2 D

  • Rolle der Schule heute Diskussionforum VS von Claudia Rizzieri classe 5 S

  • Part time Kings film sui sogni e potenziali risorse dei giovani nel mondo, con Claudia Rizzieri, classe 2 D

  • Logica proposizionale e tavole della verità (uso pratico) con Claudio Cantisani, in vista del test di ammissione all’università

  • Scienze film documentario con Paolo Segato e Silvio Scala

  • Alimentazione etica discussione filosofica laboratorio con Graziano Abelli

  • Il pensiero poetante analisi filosofica di alcuni testi poetici con Graziano Abelli

  • Alla ricerca del Graal quattro passi semiseri alla ricerca del Graal con Graziano Abelli

  • Leggere Turner attraverso i suoi quadri, testi letterari in inglese e brani musicali con Maristella Partipilo, Marco Pinamonti e Roberto Corradini; con classi 4 B, 5 D, 4 C

  • Mappe per il mondo nuovo Eucrazia, classe 5 A con Giorgio Degasperi e Nazario Zambaldi

POMERIGGIO (aperto a tutti)

 

 

  • LEARNING BY PLAYING (beginners) corso rivolto ai genitori che vogliono trascorrere un’ora giocando.

  • Da Dante a Dave Foster Wallace con Christian Bertoldi e Marco Pinamonti

  • SALTO comunicazione e partecipazione, presentazione della rivista online

  • TRANSITION consumo responsabile, Gaia Palmisano presenta l’associazione

  • GIRASOLE – SONNENBLUME architettura partecipata in centro città a Bolzano

  • MURALES con la classe 4 D, Emanuele Pasquali

  • GIORNATA CINEMA: il montaggio, lezione della classe 2, con Carla Arcieri e Roberto Corradini

  • READING POE’S STORIES IN THE DARK con Patrizia Tambosi

  • DECRESCITA FELICE perché vogliamo ciò di cui non abbiamo bisogno?, con Enzo Dal Fatto, Valentina Mignolli e Alessia Giangrossi

  • Disturbi specifici di apprendimento cosa sono i DSA, strategie didattiche con l’alunno DSA, normativa, metodo di studio; a cura del Gruppo di sostegno

  • Tagli alla scuola pubblica e sprechi del MIUR con Italo Baudo e Nicola Morelli

  • Pascoli News attività giornalistica, con Valentina Mignolli e Maristella Debertol

  • L’arte dei graffiti presentazione del graffitismo a Bolzano, con esibizione dal vivo di Andrea Spreafico (classe 2 D) e Diego Tartarotti (classe 3 E)

  • Le arti marziali giapponesi sguardo semiserio sulle arti marziali con esibizioni dal vivo di Karate, con Stefania Accettulli e Luca Portesan (classe 2D)

  • La morte dei giusti: quando i maestri devono morire. Socrate e Paolo Borsellino con Giuseppe Augello

  • Esperimenti al microscopio con Paolo Segato e Silvio Scala

  • Osservare il cielo con Paolo Segato e Silvio Scala

  • Zooantropologia animale con Catia Cervio e i cani Chery e Dream

 

 

 

SERA (aperto a tutti)

 

Musica dal vivo in aula magna a cura di Michele Parigino e Francesca Schir

 

Torneo di calcetto in palestra con studenti, genitori, insegnanti

 

 

 

LA SCUOLA È DI TUTTI

 

Alcuni insegnanti pernottano a scuola, per riappropriarsi simbolicamente della scuola come luogo del sapere diffuso, aperto e condiviso.

 

 

GIORNATA DI INFORMAZIONE E MOBILITAZIONE PER LA QUALITẦ DELLA SCUOLA E DELL’INSEGNAMENTO

A cura dei docenti del Liceo delle Scienze Umane “Pascoli” di Bolzano

La scuola vive attualmente una sofferenza che riflette quella della società tutta, data da scelte politiche che considerano in particolare la comunità scolastica in termini puramente amministrativi ovvero risparmio finanziario con decisioni unilaterali e ingiustificabili, anche – o soprattutto – quali strategie di sviluppo e innovazione in una fase di crisi.

Per giustificare queste “scelte” ancora una volta si ricorre alla svalutazione degli insegnanti e della scuola che sono da qualche tempo bersaglio di critiche e dichiarazioni ostili da parte di esponenti politici nazionali (il presidente del consiglio Monti e il ministro della pubblica istruzione Profumo) e locali (il presidente della giunta provinciale Durnwalder e l’assessore Widmann). Approfittando dell’effetto ariete prodotto dalle parole dei due rappresentanti del governo nazionale, anche esponenti della giunta provinciale si sono fatti avanti, lamentando lo scarso impegno, in termini di tempo (ma non solo) degli insegnanti altoatesini. Sono esternazioni che lasciano il tempo che trovano e che tuttavia amareggiano per la demagogia e il pressapochismo che le contraddistingue. Noi crediamo, invece, che la scuola abbia bisogno di affetto e investimenti, non di denigrazione e demolizione; crediamo che tanti insegnanti abbiano bisogno di fiducia e sostegno, perché la scuola è un bene primario, una formidabile occasione di crescita delle persone e dell’intera società. Crediamo anche che l’insegnamento e l’apprendimento traggano un deciso arricchimento da molte altre attività: spettacoli teatrali, visite a mostre e musei, incontri con scrittori, artisti, scienziati, filosofi ed esperti vari, viaggi d’istruzione, soggiorni linguistici e tutte quelle attività che il collegio docenti e i singoli consigli di classe condividono e ritengono utile inserire nel percorso didattico, anche e soprattutto in una prospettiva multidisciplinare. Insomma, non crediamo in una scuola chiusa e autoreferenziale, ma nella scuola aperta al territorio e alle sue istituzioni culturali; una scuola non localistica e non ossessionata dal localismo, ma una scuola europea e nazionale, che si nutre del confronto continuo con le altre scuole dell’Italia e, quando è possibile, d’Europa, traendone stimolo e arricchimento, soprattutto dalle esperienze di didattica innovativa.

Per richiamare l’attenzione degli amministratori, dei politici, dei genitori, degli studenti e dei media della nostra provincia su tali problematiche, per difendere la qualità e la dignità del nostro lavoro, ma anche il futuro dei nostri studenti e dei nostri figli, gli insegnanti del Liceo delle Scienze Umane “Pascoli”, a partire dal mese di gennaio 2013, bloccano ogni attività didattica che si svolge al di fuori dell’orario scolastico, in particolar modo quelle che prevedano un pernottamento, come, ad esempio, i viaggi d’istruzione.

Inoltre per mostrare e valorizzare la scuola che lavora, la scuola che progetta e costruisce, abbiamo deciso di organizzare una

giornata di informazione e di didattica aperta

a tutti coloro che vogliono partecipare.

A cura degli insegnanti e degli studenti del

Liceo Pascoli di Bolzano

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *