Esteri Ultime Notizie

Proteste in Iran – Critiche ai servizi giornalistici

22 Settembre 2022

author:

Proteste in Iran – Critiche ai servizi giornalistici

L’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) critica un’importante omissione nel resoconto di molti media sulle proteste di massa nella Repubblica Islamica dell’Iran (IRI): Nonostante tutta la giustificata indignazione per la morte di Mahsa Amini, la sua identità nazionale viene nascosta. La signora Amini era curda. In Iran non le è stato permesso di usare il suo nome curdo Jina. Oltre al codice di abbigliamento ovviamente misogino, la giovane donna, come milioni di altre, è stata oppressa in quanto donna curda dalle autorità iraniane.

Già dopo la nascita, le autorità iraniane avrebbero respinto il desiderio dei genitori di Jina Mahsa Amini di dare alla figlia il nome curdo “Jina”. La bambina è stata poi registrata con il nome “Mahsa”, ma è cresciuta con il nome curdo “Jina” (vita). Molti definiscono una tragedia il fatto che la giovane donna venga chiamata “Masha” dai media anche dopo la sua morte violenta. Perché questo nome le è stato imposto dalle stesse autorità che ora sono responsabili della sua morte.

La morte della 22enne sotto la custodia della cosiddetta polizia morale ha scatenato proteste di massa nel Kurdistan iraniano (Kurdistan orientale) e in tutto l’Iran. Subito dopo l’annuncio della sua morte, i partiti curdi in Iran hanno indetto proteste. Le forze di sicurezza del regime hanno usato gas lacrimogeni, cannoni ad acqua, manganelli e munizioni a pallettoni. In alcune località, la polizia avrebbe anche sparato munizioni vere. Le nostre fonti curde riferiscono di almeno quattro morti e 200 feriti nel solo Kurdistan orientale. Si sa poco del numero di vittime in altre città iraniane. In tutto l’Iran, le donne in particolare stanno mostrando solidarietà a Jina Mahsa Amini e scendono in piazza. Continuano a gridare: “Marg bar Stamkar, tsche Schah bascha, tsche Rahbar!”. – “Morte al despota, sia esso Scià o Guida Suprema!”. Si riferiscono allo Scià, insediato dagli Stati Uniti e rovesciato nel 1979, e all’attuale leader religioso Ayatollah Ali Khamenei.

Su circa 85 milioni di persone in Iran, circa undici milioni sono curdi. Essi costituiscono una maggioranza non solo nella provincia ufficiale del “Kurdistan”, ma anche in alcune altre province occidentali del Paese. A loro piace riferirsi alla loro patria come “Kurdistan orientale”. C’è grande diffidenza nei confronti del regime sciita dei Mullah, che detiene il potere dalla caduta dello Scià. I mullah avevano promesso democrazia e autonomia ai curdi e ad altri gruppi etnici. Tuttavia, questo non è mai stato realizzato. La democrazia e il federalismo rimangono le principali richieste dei curdi in Iran. In questo Stato multietnico vivono anche persiani, azeri, baluci, ahwazi, turcomanni, armeni e assiri, oltre alle comunità religiose di bahai, ebrei, zoroastriani e cristiani. La maggioranza della popolazione, tuttavia, appartiene all’Islam sciita.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com