Esteri Ultime Notizie

Export, come in Europa anche in Alto Adige il caro-energia mette a rischio la competitività delle imprese

13 Settembre 2022

author:

Export, come in Europa anche in Alto Adige il caro-energia mette a rischio la competitività delle imprese

Sono state pubblicate oggi le statistiche relative alle esportazioni del primo semestre del 2022. Le imprese altoatesine hanno messo a segno un nuovo record. Nei primi sei mesi dell’anno l’export è cresciuto del 13,6 per cento superando il valore di 3,2 miliardi di euro. Guardando ai prossimi mesi, il vice-presidente di Assoimprenditori con delega all’internazionalizzazione, Harald Oberrauch, è però preoccupato.
Il successo dell’industria altoatesina sui mercati internazionali conferma il decisivo contributo che le imprese esportatrici danno all’economia e alla società locale in termini di valore aggiunto, imposte versate e di occupazione di alta qualità. Ma si tratta di un successo che non possiamo dare per scontato. Al contrario: la competitività internazionale dipende da molti fattori e in questo momento l’Europa rischia di rimanere indietro rispetto agli altri concorrenti a livello globale – afferma Oberrauch
La prima preoccupazione è riferita ai costi energetici. L’esplosione dei prezzi di elettricità e gas rappresenta un’emergenza reale. Rispetto ad Usa e Cina, le imprese europee devono sostenere costi che rischiano di essere insostenibili. Servono interventi immediati: sburocratizzazione per modelli di autoconsumo sia per l’elettricità che per il biogas, tetto al prezzo del gas, disaccoppiamento del prezzo dell’elettricità da quello dell’energia e sospensione temporanea degli ETS sono le misure più urgenti da attuare a livello europeo” – sottolinea Harald Oberrauch.
Al caro-energia si aggiungono la difficoltà nel reperire determinate materie prime. Anche in questo caso la strategia deve essere europea e puntare a riportare a casa le produzioni strategiche. Serviranno politiche industriali mirate, che puntino allo sviluppo sul territorio delle imprese produttive. In questo esistono possibilità di intervento anche a livello locale, ad esempio attraverso una politica urbanistica che favorisca l’insediamento e l’ampliamento delle imprese maggiormente innovative.
Oberrauch vede inoltre grande spazio di intervento per affrontare un terzo aspetto fondamentale per la competitività internazionale delle imprese, la disponibilità di collaboratori e collaboratrici qualificati. La carenza di manodopera è un problema comune a tutti i settori economici. L’industria altoatesina ha un grande potenziale per attirare giovani talenti. Molte imprese altoatesine altamente innovative offrono posti di lavoro interessanti, con contratti a tempo indeterminato e ben retribuiti. La riduzione del carico fiscale sul lavoro e interventi per rendere il mercato abitativo più accessibile soprattutto ai giovani sono alcune delle priorità su cui lavorare.
Come i prodotti locali, anche l’Alto Adige come luogo per lavorare e fare impresa è in competizione col resto del mondo e insieme siamo chiamati a renderlo ancora più competitivo, conclude Oberrauch.

Foto, Harald Oberrauch

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com